La nuova stagione di Camathias sarà al 100% ticinese

AUTOMOBILISMO

Il pilota disputerà l’European Series GT4 con il team Centri Porsche Ticino assieme a Ivan Jacoma - LE FOTO

La nuova stagione di Camathias sarà al 100% ticinese
© CdT/ Chiara Zocchetti

La nuova stagione di Camathias sarà al 100% ticinese

© CdT/ Chiara Zocchetti

La nuova stagione di Camathias sarà al 100% ticinese
© CdT/ Chiara Zocchetti

La nuova stagione di Camathias sarà al 100% ticinese

© CdT/ Chiara Zocchetti

La nuova stagione di Camathias sarà al 100% ticinese
© CdT/ Chiara Zocchetti

La nuova stagione di Camathias sarà al 100% ticinese

© CdT/ Chiara Zocchetti

La nuova stagione di Camathias sarà al 100% ticinese
© CdT/ Chiara Zocchetti

La nuova stagione di Camathias sarà al 100% ticinese

© CdT/ Chiara Zocchetti

Un particolare. Piccolo, sì. Ma significativo. Le prese d’aria della Porsche 718 Cayman GT4 hanno i colori del Ticino. Il rosso e il blu. Quando guardano la vettura, Joël Camathias e Ivan Jacoma sorridono. I due piloti rappresenteranno il nostro cantone nella GT4 European Series, il campionato di riferimento della categoria. Un progetto al 100% ticinese, ribattezzato Team Centri Porsche Ticino. «È soprattutto una piattaforma» dice Camathias, 40 anni il prossimo febbraio ma ancora tanta, tantissima voglia di correre. E di vincere. «L’idea è nata verso la metà dell’anno passato. Un team di casa nostra impegnato a livello internazionale. È qualcosa di ambizioso. Conosco bene i circuiti nei quali gareggeremo, tranne Zandvoort fra l’altro rinnovato da poco. Bisognerà lottare con il coltello fra i denti. Penso e spero che la mia lunga esperienza possa aiutare».

Il «vecchio» non molla

Proprio così, lunga esperienza. A guardarlo, Joël è ancora un ragazzino. Ha la fortuna di quegli attori alla Ryan Gosling: non sembra invecchiare mai. «Eppure, sono alla mia ventisettesima stagione» prosegue Camathias. «Tanti miei amici, impegnati in altri sport, hanno smesso senza problemi raggiunta una certa età. Ma i motori sono diversi. Ti entrano nelle vene, è una cosa viscerale. Io, la voglia di correre, non riesco proprio a farmela passare. È la stessa di quando ho iniziato».

Assieme a Joël, dicevamo, da fine luglio a metà novembre ci sarà Ivan Jacoma. «Un ottimo pilota» garantisce Camathias, il professionista dei due. Il regime misto o, volendo usare la sigla corretta, Pro-Am è in vigore dal 2016 nella classe GT4. La SRO, società organizzatrice del campionato, permette ai team di schierare un pilota di mestiere e un altro, passateci l’espressione, per passione. Jacoma conosce bene la Cayman 718, essendo direttore del Centro Porsche Ticino. L’ha anche già guidata in gara. «Era un modello simile a questo» spiega. «Ne conosco i pregi. È una vettura ben bilanciata, un ottimo compromesso. Non è né troppo pesante né troppo leggera, sta a metà». Considerando il «balance of performance» applicato dagli organizzatori al fine di garantire una competizione il più possibile equa, la vettura «dovrebbe comportarsi bene su ogni circuito».

Al via ci saranno i marchi più importanti delle vetture sportive: Aston Martin, Audi, BMW, Chevrolet, Ford, McLaren, Mercedes, Toyota e Porsche, solo per citarne alcuni. Per ognuno dei sei appuntamenti in calendario sono previste due gare. Ancora Jacoma: «Ci saranno dodici marchi e una quarantina di auto. I distacchi di solito sono minimi, il livello è altissimo. Parlandone con Joël, abbiamo convenuto che la GT4 è il futuro delle corse. La GT3 è troppo costosa e, di fatto, possono permettersela solo i team ufficiali».

I protocolli da rispettare

Camathias e Jacoma correranno, va da sé, seguendo alla lettera i protocolli sanitari dei rispettivi Paesi. «In Italia, per le prime due tappe, dovremo sottostare ad un regolamento non molto distante da quello della Formula 1» fa notare Ivan. Ovvero, ci saranno solamente piloti, ingegneri, meccanici e inservienti della pista. «Per la gioia delle nostre amate non ci saranno le ombrelline» ribatte, sorridendo, Joël. «Difficilmente vedremo degli spettatori da qui al termine della stagione» racconta Jacoma. «Al momento, non possiamo neppure portare gli sponsor e non è consentito l’ingresso alla stampa. A tutti verrà misurata in entrata la temperatura, mentre l’utilizzo della mascherina sarà obbligatorio al di fuori della macchina». «Gli organizzatori hanno previsto anche dieci secondi extra, quando un pilota subentra all’altro in gara, per permettere la sanificazione del posto guida» gli fa eco Camathias.

Il «made in Ticino» sta per accendere i motori. E potrà contare sull’affetto di Norman Gobbi, presidente del Consiglio di Stato, intervenuto alla presentazione del progetto.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: AutoMoto
  • 1

    Anche Aegerter fa meglio di Lüthi

    Motomondiale

    Qualificazioni deludenti a Brno per il più quotato dei piloti elvetici: Tom è solo 26., mentre Dominique scatterà dalla 23. posizione - In MotoGP Zarco strappa la «pole» a Quartararo

  • 2

    Bottas in «pole» davanti ad Hamilton

    Formula Uno

    Prima fila targata Mercedes nel secondo GP d’Inghilterra a Silverstone - Terzo Hulkenberg, lontane le due Ferrari con Leclerc ottavo e Vettel dodicesimo

  • 3
  • 4

    Seconda operazione per Marc Marquez

    moto

    Il campione del mondo della MotoGp ha subito un altro intervento dopo che la placca di titanio utilizzata per riparare l’omero del braccio aveva subito danni a causa dell’accumulo di stress

  • 5

    Sfortuna per il ticinese Marco Timbal al Nürburgring

    Endurance

    Il pilota luganese stava per aggiudicarsi una nuova vittoria di classe nella quarta gara della Nürburgring Langstrecken Serie, un incidente di un dei suoi compagni ha posto fine alla prova del terzetto a 20 minuti dalla fine

  • 1
  • 1