La prima di Morbidelli nella categoria maggiore

Moto

Il vincitore: «Devo ancora digerire il tutto, sono sopraffatto alle emozioni» - Lüthi è sesto nelle Moto2

La prima di Morbidelli nella categoria maggiore
La grande soddisfazione di Franco Morbidelli a Misano. ©TAP/Antonio Calanni

La prima di Morbidelli nella categoria maggiore

La grande soddisfazione di Franco Morbidelli a Misano. ©TAP/Antonio Calanni

La prima di Morbidelli nella categoria maggiore

La prima di Morbidelli nella categoria maggiore

Franco Morbidelli e Francesco Bagnaia primo e secondo in MotoGP; Luca Marini, Marco Bezzecchi, Enea Bastianini primo, secondo e terzo in Moto2. Facendo centro con un compasso su Coriano, il paese di Marco Simoncelli, tutti e cinque abitano o sono nati in un raggio di trenta chilometri. Contribuisce a spiegare come mai questa striscia di pianura e collina, tra l’Appennino ed il mare, sia la Terra del Motore.

Emozionante, la MotoGP. Per Morbidelli prima vittoria nella categoria maggiore; per Bagnaia, primo podio. Se Valentino Rossi, quarto, si fosse classificato terzo (posizione appannaggio di Joan Mir), sarebbe stato per Vale il numero 236. Ce l’aveva quasi fatta; superato solo a poche curve dal traguardo, è stato tra i protagonisti del GP.

«Morbido» ha condotto dal primo all’ultimo metro. Con nessuno davanti e potendo scegliere la traiettoria preferita, su questo circuito disegnato con curve filanti e veloci, ha potuto sfruttare le qualità migliore della Yamaha: stabilità ed una superiore velocità in curva. Come fatto in precedenza da Quartararo; come era riuscito, diverse volte, nelle stagioni d’oro a Jorge Lorenzo. Morbidelli, subito dopo l’arrivo: «Devo ancora digerire il tutto. Nell’ultimo giro pensavo a sette anni fa, quando gareggiavo qui nel campionato italiano Superstock. Sono sopraffatto dalle emozioni».

L’ironia di Rossi

Valentino Rossi (ironico, pensando alla VR46 Riders Accademy): «Mi sono allevato delle serpi in seno... (Morbidelli e Bagnaia arrivati davanti a lui, n.d.r.). Tutti è tre sul podio? Sarebbe stato più unico che raro. Il campionato? Sono solo a 18 punti. Non devo mollare». Andrea Dovizioso ha scavalcato Fabio Quartararo arrampicandosi al primo posto in classifica generale.

Il bernese deluso

Il podio tutto italiano in Moto2 si è riflesso in classifica generale: Marini, Bezzecchi e Bastianini occupano anche qui i primi tre posti (sebbene non precisamente in quest’ordine). Tom Lüthi, che partiva decimo, si è classificato sesto, a nove secondi dal vincitore.

Lüthi: «A due giri dalla fine (era in lotta per il quinto posto, n.d.r.) ho quasi perso l’anteriore. Segno che ero troppo vicino al limite, e non sarei riuscito a recuperare oltre. Dovevo accettare l’idea». Jesko Raffin si è ritirato.

In Moto3, vittoria di John McPhee, in una prova tiratissima. Jason Dupasquier diciannovesimo.

Podio per Dominique Aegerter in MotoE: scattato dalla quinta casella in griglia, qualche errore in gara non gli ha impedito di infilare due avversari proprio all’ultimo giro concludendo terzo e aumentando, anche se di un solo punto, il vantaggio in classifica generale.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: AutoMoto
  • 1
  • 1