Contromano

Scusatemi, ma quella vista in Ungheria non era una Ferrari

Pino Allievi ripercorre l’ultimo GP nella sua tradizionale rubrica per il Corriere del Ticino

Scusatemi, ma quella vista in Ungheria non era una Ferrari
Un Vettel sottotono «festeggia» il terzo posto all’Hungaroring. (Foto Keystone)

Scusatemi, ma quella vista in Ungheria non era una Ferrari

Un Vettel sottotono «festeggia» il terzo posto all’Hungaroring. (Foto Keystone)

Una Ferrari che si prende un minuto (abbondante) di distacco dal vincitore del GP d’Ungheria non è una Ferrari. Spiace dirlo ma non avremmo mai immaginato una situazione così disastrosa, alla vigilia di quelle vacanze d’agosto che anche la Formula 1 si concede. Un anno fa Vettel era staccato di 24 punti dal leader della classifica, il solito Hamilton. Ora il margine è di 96 punti,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
  • 1
Ultime notizie: AutoMoto
  • 1