formula uno

Un’altra doppietta Mercedes a Baku

Ad imporsi nel GP d’Azerbaigian è stato Valtteri Bottas, davanti al compagno di scuderia britannico Lewis Hamilton - LE FOTO

Un’altra doppietta Mercedes a Baku
(Foto Keystone)

Un’altra doppietta Mercedes a Baku

(Foto Keystone)

Un’altra doppietta Mercedes a Baku

Un’altra doppietta Mercedes a Baku

Un’altra doppietta Mercedes a Baku

Un’altra doppietta Mercedes a Baku

Un’altra doppietta Mercedes a Baku

Un’altra doppietta Mercedes a Baku

Un’altra doppietta Mercedes a Baku

Un’altra doppietta Mercedes a Baku

Un’altra doppietta Mercedes a Baku

Un’altra doppietta Mercedes a Baku

BAKU – Quattro gare, altrettante doppiette per la Mercedes. Valtteri Bottas ha vinto il GP d’Azerbaigian a Baku, davanti a Lewis Hamilton. Sebastian Vettel su Ferrari completa il podio.

Questo successo, il quinto per Bottas in Formula Uno, gli permette di riprendere la testa del campionato, con un punto di vantaggio sul suo compagno di scuderia. I due uomini, partiti dalla prima fila, hanno fornito una bella “bagarre” alla partenza e poi anche negli ultimi giri.

Ma il finlandese non ha commesso il minimo errore, malgrado la pressione del cinque volte campione del mondo. In questa stagione Bottas ha tutta l’intenzione di giocare le sue carte per staccare il titolo. La vittoria in Azerbaigian è una bella rivincita sulla sfortuna, visto che lo scorso anno era uscito di scena a causa di una foratura quando si trovava al comando.

« La corsa è stata dura, anche se non c’è stata tantissima azione davanti. Lewis mi ha messo sotto pressione, ma avevo tutto sotto controllo. Sono felicissimo. Vincere per me è così importante, poiché si stratta solo della mia quinta vittoria” ha dichiarato Bottas.

Dal canto suo, Hamilton ha dato prova di fair-play. “Felicitazioni a Valtteri, che ha guidato in modo fantastico, senza commettere errori e meritando appieno la sua vittoria. Tutto si è deciso già durante le qualificazioni. È bellissimo per la squadra e per noi è il migliore inizio di stagione della storia” ha spiegato il britannico.

Anche Sebastian Vettel non appariva troppo deluso del suo terzo posto. “Abbiamo tenuto il ritmo dei migliori, anche se non potevo fidarmi troppo di Max (Verstappen, ndr) alle mie spalle, che ho tuttavia potuto lasciare ad una buona distanza. Come team abbiamo parecchio lavoro davanti a noi e penso che dobbiamo dare il massimo con ciò che abbiamo. In ogni caso, non siamo più i favoriti prima di Barcellona” ha dichiarato il pilota tedesco.

Dopo il suo errore durante la Q2, Charles Leclerc (Ferrari), partito dall’ottava posizione, ha riuscito una spettacolare rimonta. Ha persino occupato per un attimo la prima posizione, ritardando la sua fermata ai box per il cambio delle gomme, ma ha alla fine ha dovuto accontentarsi del quinto posto, con un punto guadagnato grazie al miglior giro in gara.

Verstappen si è piazzato tra le due Rosse, ma non ha potuto lottare né per il successo finale né per il podio. Le McLaren hanno confermato la loro forma, mandando Carlos Sainz, settimo, e Lando Norris, ottavo, a punti.

Kimi Räikkönen ha chiuso nel top 10 per la quarta volta in stagione. Partito dai box, il veterano finlandese ha conquistato un punto. Il suo compagno di scuderia Antonio Giovinazzi ha terminato al 12. posto.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: AutoMoto
  • 1