logo

"Complimenti alla Svizzera, che può ancora crescere"

La reazione delusa di Vladimir Petkovic: "Abbiamo subito troppo, merito dell'avversario" - Complimenti agli svedesi che hanno saputo essere più concreti al momento giusto

Keystone
Per Petkovic e la nazionale è terminato il mondiale russo.
 
03
luglio
2018
18:43
Red. Online

SAN PIETROBURGO - Vladimir Petkovic è deluso ma non abbattuto. La sua nazionale, ha detto  a botta calda ai microfoni della RSI, ha giocato le sue carte. "Complimenti a questa squadra e ai nostri ragazzi" ha rimarcato. La prima sensazione, chiaramente, per "Vlado", è quella di tutti gli svizzeri: "Delusione". "È stato un avversario tosto, non a caso ha addormentato tutte le squadre che ha incontrato, a partire dall'Italia e dall'Olanda. Bisogna però riconoscere il merito dell'avversario. Abbiamo subito troppo, anche con qualche decisione arbitrale discutibile". Quella di oggi, secondo il c.t. svizzero, non è stata una grande partita. La Svezia ha giocato a modo suo, anche se "la Svizzera (soprattutto nel secondo tempo e nel finale, n.d.r.) ha tirato di più e fatto più azioni". Infine, "Ci siamo portati più volte alla schiena degli avversari, ma mancavano i cross. Dovevamo essere più concreti". Ora, la Svizzera, dovrà mettersi a lavorare per gli Europei tra due anni e per il prossimo mondiale tra quattro, che sono ancora lontani. Ma Petkovic ne è convinto: "La nostra nazionale - ha concluso - può sicuramente crescere".

Edizione del 16 ottobre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top