«A 10 anni dal primo gol, sogno l’ultimo nel nuovo stadio»

Calcio

Il 30 novembre del 2011 Mattia Bottani firmava la rete numero uno con la maglia del Lugano: «Segnare il primo gol in maglia bianconera, a Cornaredo contro l’ACB, assomigliò molto a un segno del destino»

«A 10 anni dal primo gol, sogno l’ultimo nel nuovo stadio»
©Ti-Press/Archivio

«A 10 anni dal primo gol, sogno l’ultimo nel nuovo stadio»

©Ti-Press/Archivio

Ha segnato la prima rete con la maglia bianconera in un derby. Contro il Bellinzona. A Cornaredo. Proprio lui, poi divenuto il figlio della città. Un segno del destino? Forse. Di sicuro una bellissima storia. Iniziata per l’appunto il 30 novembre del 2011. Oggi, a dieci anni di distanza, abbiamo deciso di ripercorrerla con chi l’ha vissuta: Mattia Bottani. «Avevo dei capelli imbarazzanti e una maglia XXL. Anche lei inguardabile». Bottani non ha dimenticato i dettagli di quella serata magica. La scintilla. Il verso iniziale di un poema di cui non si conosce ancora il finale. Un amore che nasce. Dici Lugano e, d’istinto, pensi a lui. Al «Pibe». La parte per il tutto. La metonimia bianconera. «Anche se riavvolgere il nastro dei ricordi, tornando a dieci anni fa, di colpo mi fa sentire un po’ vecchio...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1
  • 1