Calcio

Amichevoli addio, ritorna la Super

La pausa è quasi finita, venerdì si parte: breve viaggio fra le dieci società del massimo campionato elvetico

Amichevoli addio, ritorna la Super
Dopo la vittoria nel torneo amichevole della Uhrencup, la prossima coppa che i bernesi sperano di alzare al cielo è quella di campioni svizzeri (Foto Keystone)

Amichevoli addio, ritorna la Super

Dopo la vittoria nel torneo amichevole della Uhrencup, la prossima coppa che i bernesi sperano di alzare al cielo è quella di campioni svizzeri (Foto Keystone)

Archiviata a fine maggio la stagione 2018-2019, dopo una breve pausa estiva è già il momento di riaprire la caccia allo Young Boys detentore del titolo: calcio d’inizio venerdì con Sion-Basilea. Sulla carta si prospetta nuovamente un campionato molto equilibrato. Alle spalle dei gialloneri e dei renani, la lotta per la qualificazione ai preliminari di Europa League sarà serrata. Capitolo mercato. Al via si presenteranno delle formazioni ancora in costruzione visto che i trasferimenti si chiudono il 31 di agosto. Diamo un’occhiata alla situazione delle dieci compagini della massima categoria. Con un occhio di riguardo sul Lugano.

Lugano: una squadra solida cerca un attaccante

La scorsa stagione il presidente Angelo Renzetti aveva detto di avere la rosa più forte da quando è alla testa del club. Ebbene, quest’anno la formazione sembra essersi ulteriormente rafforzata. Cosa del resto necessaria per riuscire a sostenere dignitosamente gli impegni di campionato, Coppa e, soprattutto, Europa League. All’ombra di Cornaredo sono infatti giunti l’esterno d’attacco Marco Aratore, i centrocampisti Olivier Custodio e Francísco Rodríguez, l’attaccante ungherese Filip Holender, il centrocampista offensivo Sandi Lovric (nel giro della nazionale austriaca U21 e definito un giocatore molto promettente) e il laterale dello Young Boys Linus Obexer. Il mercato, però, sta riservando anche qualche grattacapo ai dirigenti luganesi. A preoccupare il numero uno dei bianconeri sono i movimenti in uscita e, in particolare, la posizione di Junior, piuttosto delicata. L’attaccante vorrebbe lasciare Lugano e la società è intenzionata a venderlo per fare cassa. Il problema è che, ad oggi, per il brasiliano non è ancora arrivata un’offerta adeguata. Ad ogni modo, Celestini ha bisogno di un attaccante che possa finalizzare. La coperta, in avanti, appare corta.

Basilea: si vuole ricostruire una società sana

Dopo il caos degli ultimi mesi, a Basilea si lavora alacremente per ricostruire una società sana. A livello sportivo, finora pochi gli innesti di peso giunti sulle sponde del Reno. La squadra, però, nel girone di ritorno si è ben comportata e spera di poter duellare alla pari con i rivali dell’YB.

Lucerna: una formazione molto giovane

A Lucerna si è deciso di puntare sui giovani e su calciatori di prospettiva che militano in Challenge League. Al loro fianco due innesti di peso: l’attaccante Francesco Margiotta (in arrivo da Losanna) e il portiere Marius Müller (Lipsia). A completare l’organico una rosa ampiamente riconfermata. Una squadra discreta per la Super League, ma che rischia di avere qualche problema in campo internazionale.

Neuchâtel Xamax: dopo lo spavento si torna a lottare

Archiviato il pazzo spareggio promozione-relegazione, a Neuchâtel è il momento di guardare al futuro. Il nuovo tecnico Joël Magnin avrà il difficile compito di traghettare la squadra verso una salvezza tutt’altro che scontata, anche perché, finora, il solo rinforzo di peso è André Neitzke del Sion.

Ginevra Servette: Cenerentola di SL? Non esattamente

Nella città di Calvino i progetti sono ambiziosi. Forte di un budget garantito dalla Fondazione Hans Wilsdorf, la società punta, a lungo termine, a diventare uno dei fari del calcio elvetico. Sul corto periodo, tuttavia, l’impatto con la nuova realtà non sarà per niente scontato e i ginevrini dovranno lottare per non retrocedere.

Sion: Valon Behrami per l’assalto all’YB

Il Sion si presenta ai nastri di partenza con una squadra che, sulla carta, può aspirare al titolo. Importanti gli innesti: Valon Behrami su tutti, ma anche Mickaël Facchinetti (APOEL Nicosia), Patrick Luan (Fluminense) e Mattias Andersson (Juventus U23). Nuovo anche l’allenatore: Stéphane Henchoz (Xamax).

San Gallo: un mercato oculato per il salto di qualità

Quella biancoverde resta una formazione enigmatica. Per ora il mercato ha riservato qualche acquisto interessante come Moreno Costanzo del Thun, Lukas Görtler dell’Utrecht e Vincent Rüfli, di ritorno dalla Ligue 2. Bisognerà però vedere se saranno sufficienti per fare il salto di qualità.

Thun: il ritorno di Rapp e gli innesti dalla B

Con l’arrivo di Simone Rapp dal San Gallo, a Thun si è riformata la coppia ticinese del gol con l’ex-biancoverde a finalizzare gli assist di Tosetti. Anche quest’anno la squadra ha inserito in rosa numerosi elementi in provenienza dalla Challenge League, politica che, negli scorsi anni, si è dimostrata vincente. Si punta quindi nuovamente a un piazzamento che garantisca l’Europa.

Young Boys: alla caccia del 3. titolo in altrettante stagioni

Salutati Benito, Mbabu, Sow e Von Bergen, la sfida per i gialloneri sarà riconfermarsi sui livelli delle ultime due stagioni. Per riuscirci l’YB si è mosso intelligentemente sul mercato prendendo Fabian Lustenberger dall’Herta Berlino e qualche giocatore di spessore in Svizzera come Sierro, Spielmann, Zesiger e Bürgy.

Zurigo: l’incognita Zurigo è pronta a stupire

Da anni lo Zurigo punta su una politica rivolta alla valorizzazione dei giovani che, però, ad oggi non ha dato molte soddisfazioni sportive, se si escludono i successi in Coppa Svizzera. Anche questa stagione la rotta non cambia e il mercato dei tigurini è tutto da scoprire.

La prima giornata:

Venerdì, ore 20: Sion - Basilea.

Sabato, ore 19: San Gallo - Lucerna.

Sabato, ore 19: Thun - Neuchâtel Xamax.

Domenica, ore 16: Young Boys - Servette.

Domenica, ore 16: Zurigo - Lugano.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Calcio
  • 1