L’intervista

Arrigo Sacchi: «Il mattino dell’Italia ha intenti nobili»

La rinascita degli Azzurri secondo il profeta di Fusignano, fra lampi di calcio propositivo e difficoltà nell’abbandonare la vecchia mentalità catenacciara

Arrigo Sacchi: «Il mattino dell’Italia ha intenti nobili»
Arrigo Sacchi ha guidato l’Italia dal 1991 al 1996, arrivando a disputare la finale dei Mondiali nel 1994. (Foto Archivio CdT)

Arrigo Sacchi: «Il mattino dell’Italia ha intenti nobili»

Arrigo Sacchi ha guidato l’Italia dal 1991 al 1996, arrivando a disputare la finale dei Mondiali nel 1994. (Foto Archivio CdT)

Trent’anni fa, al Camp Nou di Barcellona, alzò al cielo la sua prima Coppa dei Campioni. Con il Milan targato Silvio Berlusconi ne conquistò una seconda l’anno successivo. In rossonero vinse tutto, salendo addirittura sul tetto del mondo due volte. Arrigo Sacchi oggi ha 73 anni ma è ancora il profeta di un tempo. Di più, segue con occhio critico e attento le vicende calcistiche...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Calcio
  • 1