Arriva il San Gallo, parla Celestini

A due giorni dalla sfida a Cornaredo, l'allenatore del Lugano mostra tranquillità e parla del futuro: "Non faccio programmi, occupano la testa di pensieri"

Arriva il San Gallo, parla Celestini

Arriva il San Gallo, parla Celestini

LUGANO - "Non mi sono fissato degli obiettivi da raggiungere da qui a Natale". Fabio Celestini è tranquillo a due giorni dalla sfida contro il San Gallo, da giocare a Cornaredo. "È inutile fare programmi. Ci sono già tante cose a cui pensare, calcoli o programmi hanno il solo effetto di occupare la testa di pensieri". Per Fabio Daprelà quella di domenica sarà una partita particolare: il difensore non ha ancora ricevuto l'esito del ricorso per il fallo su Itten, avvenuto proprio contro i biancoverdi a fine settembre. "Devo capire come sta Fabio a livello mentale" prosegue Celestini. "Lui è un giocatore che mette l'accento sull'aggressività. Se per qualche ragione dovesse venire meno al suo stile di gioco, potrei pensare a un cambio". Infine, il tecnico loda Mattia Bottani. "È bravissimo" il commento. "Ha tutto: tiro, velocità, cambio di direzione, controllo di palla. Può diventare un elemento preziosissimo per noi anche se non va dimenticato che ha subito un lungo infortunio. Non posso ancora spremerlo al massimo. In generale, ora conosco meglio il gruppo. E trovo che il Lugano sia un'ottima squadra".

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Calcio
  • 1