Calcio

Asiago addio: il bilancio di Fabio Celestini

L’allenatore del Lugano è soddisfatto del ritiro bianconero e lancia un messaggio in ottica Inter: «La partita più importante sarà a Zurigo» – IL VIDEO

Asiago addio: il bilancio di Fabio Celestini
L’allenatore bianconero Fabio Celestini. (Foto Putzu)

Asiago addio: il bilancio di Fabio Celestini

L’allenatore bianconero Fabio Celestini. (Foto Putzu)

ASIAGO – Grazie e arrivederci. Il Lugano ha salutato Asiago dopo un’ultima seduta di allenamento. Tutti in Ticino, anche perché domenica ci sarà l’attesissima sfida contro l’Inter nell’ambito della Casinò Lugano Cup. Ne abbiamo approfittato per stilare un bilancio della settimana in Veneto con l’allenatore Fabio Celestini. «Il mio bilancio è molto positivo» afferma il tecnico. «Abbiamo potuto lavorare tanto e bene. E ci siamo fatti un quadro più preciso dei nuovi giocatori. Siamo stati assieme 24 ore su 24 e questo chiaramente ha accelerato il processo di inserimento dei nuovi. Di più, abbiamo potuto contare su un gruppo ristretto rispetto a quello che avevo a disposizione a Lugano. Meglio, perché quando hai giocatori sul piede di partenza è sempre difficile gestire l’insieme. Qui invece abbiamo potuto fare delle riunioni importanti per chiarire cosa vogliamo fare quest’anno e quale sarà lo spirito».

Domenica è in programma la Casinò Lugano Cup contro l’Inter. Cosa si aspetta mister Celestini?

«L’Inter sarà l’ultimo test prima del campionato. Mi aspetto di vedere una squadra, il Lugano, che continua a mettere un pezzo dietro l’altro. Ma è qualcosa che già sto vedendo. Anche contro l’Ingolstadt, pur senza fare una grande partita, i ragazzi hanno messo in pratica tutto quello che avevamo preparato. La brillantezza arriverà poi contro lo Zurigo. Quella contro l’Inter indubbiamente è una bellissima amichevole, ma non è una partita da 3 punti. Ci servirà per avere buone sensazioni in vista della nuova stagione. È un match di gala, in gioco c’è anche l’immagine del Lugano. Ma l’obiettivo è e rimane lo Zurigo. E poi, fare un buon risultato domenica non significa automaticamente fare bene in campionato. Darò la giusta importanza all’evento. Sarà un po’ una ripetizione generale per noi, contro una squadra importante».

Loading the player...
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Calcio
  • 1