Baumann torna a sbagliare, Sabbatini è il migliore

Le pagelle

Europa League: l’inviato del CdT Massimo Solari dà i voti ai giocatori del Lugano

Baumann torna a sbagliare, Sabbatini è il migliore
Il capitano del Lugano Jonathan Sabbatini. © Keystone/Samuel Golay

Baumann torna a sbagliare, Sabbatini è il migliore

Il capitano del Lugano Jonathan Sabbatini. © Keystone/Samuel Golay

Baumann 3,5

Una sua incertezza - leggasi uscita completamente sbagliata - costa al Lugano il vantaggio di Santos. Peccato perché nel primo tempo aveva compiuto un piccolo miracolo su Sotiriou.

Yao 4

In avvio, quando il Copenhagen spinge, una sua chiusura su Falk è provvidenziale. Cala nella ripresa, compiendo anche qualche errore grossolano.

Kecskés 3,5

Alterna momenti di concentrazione a vuoti preoccupanti. Da uno di questi nasce il vantaggio danese. Santos, infatti, se lo perde lui.

Maric 4

Solido sull’arco dei 90 minuti. Sul conto del veterano della retroguardia bianconera non si registrano sbavature tolto il quasi autogol.

Daprelà 4

Chiamato a fare il terzino, Fabio risponde presente. Deve contenere l’ispirato Falk e non ne esce ridimensionato.

Vecsei 4

Balint gioca una partita di grande sacrificio. Non sempre è preciso, a differenza di altre occasioni non si fa però travolgere dagli eventi.

Custodio 4

Di fatto Celestini gli chiede di ricoprire un ruolo che non è propriamente nelle sue corde. Niente regia, quanto inserimenti costanti. Non delude il mister.

Sabbatini 4,5

Quando sale in cattedra il capitano cresce anche il Lugano. In particolare nella seconda metà del primo tempo emerge su tutti. Perde un filo di smalto nella ripresa.

Lavanchy 4

Partita generosa, anche quella di Numa. Copre bene e offensivamente fa quello che può. A fine primo tempo ha sulla testa un buon pallone: lo spreca.

Bottani 3,5

L’attacco bianconero è tutto sulle sue spalle. Ci prova ma raramente riesce a essere incisivo. Esce per guai fisici all’inizio della ripresa.

Junior 4

Per buona parte dell’incontro fa l’esterno di destra. Un ruolo, questo, che sembra soffrire. Ha qualche guizzo, anche se troppo lontano dall’area avversaria.

Aratore 4

Entra con il giusto atteggiamento e segna anche. La sua rete è però vanificata dalla posizione di fuorigioco di Holender.

Holender 3,5

L’attaccante magiaro ha l’occasionissima per l’1-1 allo scadere. L’invito di Dalmonte è allettante, lui tuttavia non si fa trovare pronto.

Dalmonte 4

Pochi minuti ma giocati con determinazione. Due suoi traversoni spaventano la difesa danese.

Celestini 4

Forse teme l’imbarcata e quindi imposta la partita con un modulo prudente. Peccato perché quando prende coraggio il suo Lugano non demerita. In ogni caso i giocatori non gli voltano la schiena.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1
  • 1