Bergomi perdona Diego: «A Italia ‘90, Napoli seguì il capopopolo»

Calcio

L’ex capitano dell’Inter e della nazionale ricorda le sfide contro Maradona e in particolare l’amara semifinale persa contro l’Argentina in un San Paolo fedele al suo idolo

Bergomi perdona Diego: «A Italia ‘90, Napoli seguì il capopopolo»
©AP/Alessandra Tarantino

Bergomi perdona Diego: «A Italia ‘90, Napoli seguì il capopopolo»

©AP/Alessandra Tarantino

Per la seconda volta nella sua vita Beppe Bergomi piange a causa, o meglio per Diego Armando Maradona. L’ex capitano dell’Inter e della nazionale italiana ha incrociato più volte l’argentino sul campo. Più volte ha provato a fermarlo, con le buone o le cattive. Lo ammette apertamente, riconoscendo la grandezza sportiva del Pibe de oro e in un certo senso perdonandogli l’amarissimo sgarbo ai Mondiali casalinghi del 1990.

Signor Bergomi: innanzitutto quali sensazioni ed emozioni prova a poche ore dalla scomparsa del grande Diego Armando Maradona?

«Sono profondamente addolorato. Perché Maradona è uno di quei personaggi che non hanno mai smesso di accompagnare l’immaginario di ogni appassionato di calcio e dello sport in generale. Una figura immortale che vivrà sempre. Certo, a fronte di una simile...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1
  • 2

    Difesa in emergenza, ma obiettivo tre punti

    Calcio

    Per la sfida di domenica contro il Losanna, mister Jacobacci deve rinunciare a Maric, Guerrero e Kecskés - «Un’intera settimana di lavoro ci ha però fatto bene» sottolinea il tecnico del Lugano

  • 3

    Lo Ziegler d’America: «Caro Lugano, possiamo fare bene»

    Calcio

    Il neoacquisto dei bianconeri, reduce dall’esperienza nella Major League Soccer, affronta di petto gli scettici: «I miei 35 anni? Sono solo un numero, dentro di me c’è un fuoco che arde e nel Lugano ho trovato una squadra ambiziosa» - «La passione a Dallas è incredibile, ma il 2020 è stato difficile: per il ginocchio a terra durante l’inno abbiamo ricevuto tanti fischi»

  • 4

    Lo Young Boys firma l’impresa

    Calcio

    I gialloneri hanno eliminato il Bayer Leverkusen nei sedicesimi di finale di Europa League - Nella gara di ritorno, in Germania, è finita 0-2 con reti di Siebatcheu e Fassnacht

  • 5

    Ma alla fine quanto vale Lionel Messi?

    Calcio

    Le rivelazioni sul contratto monstre dell’argentino, 555 milioni di euro lordi in quattro stagioni, hanno suscitato scalpore e indignazione - «Grazie al giocatore il Barcellona ha visto crescere il fatturato da 140 a 800 milioni, ecco perché lo stipendio è legittimo» replica l’esperto Marco Bellinazzo

  • 1
  • 1