Bottani svetta su tutti

le pagelle

Nicola Martinetti dà i voti a giocatori e allenatori dopo la partita Lugano-Basilea

Bottani svetta su tutti
@KEYSTONE/SAMUEL GOLAY

Bottani svetta su tutti

@KEYSTONE/SAMUEL GOLAY

Baumann: Sbaglia un’altra uscita in occasione del vantaggio renano, rischiando di compromettere il match. Si riscatta però parzialmente col passare dei minuti, chiudendo in particolare su Cabral nei recuperi finali. Voto: 4

Kecskés: La sua prova è positiva, ma dura soltanto un tempo. Esce alla pausa per infortunio. Voto: 4,5

Maric: Guida la difesa con la solita autorità, facendo a sportellate con un cliente difficile come Cabral. Con lui dietro a dare sicurezza, i bianconeri non sbandano praticamente mai. Voto: 5

Ziegler: Segue l’esempio del proprio compagno di reparto e fa valere la sua grande esperienza. Specialmente nella ripresa, quando lui e Maric si ritrovano orfani di Kecskés. Voto: 5

Lavanchy: È il solito motorino instancabile, affidabile in fase difensiva e propositivo in quella offensiva. Pecca un po’ di precisione in alcuni frangenti, quando va al cross. Voto: 4,5

Custodio: Il suo lavoro di interdizione e ripartenza davanti alla difesa è imprescindibile. È un mastino implacabile che non fa respirare gli avversari, dando poi il la alla manovra bianconera una volta recuperata palla. Voto: 5

Sabbatini: Prende un giallo in entrata e questo forse lo destabilizza un pochino. Non è brillante, ma fa comunque valere classe ed esperienza, partecipando attivamente alla manovra. Voto: 4

Lovric: Il suo primo tempo è pessimo, forse perché anche lui condizionato da un giallo a inizio confronto. Sale però in cattedra nella ripresa, dove segna il gol dell’1-1, colpisce un’asta e fornisce a Bottani l’assist per il gol del 2-1. Voto: 5

Guerrero: Meno appariscente di Lavanchy, sacrifica parzialmente le incursioni sulla fascia, concentrandosi maggiormente sulla copertura difensiva. Voto: 4,5

Bottani: In questo momento è il top player del Lugano. È letteralmente ovunque, facendo impazzire gli avversari giocando tra le linee, senza dare loro punti di riferimento. Imprescindibile, ben al di là del gol che vale il 2-1 finale. Voto: 5,5

Ardaiz: Raccoglie la fiducia di Jacobacci, ma a conti fatti la ripaga soltanto parzialmente, rimanendo un po’ nell’ombra nonostante una mole di lavoro interessante. Un fuorigioco di pochi centimetri gli nega la gioia del gol. Voto: 4

Abubakar: Sbaglia una rete clamorosa da pochi passi, ma la sua presenza e le sue incursioni destabilizzano la retroguardia renana, aprendo spazi importanti per Bottani. Voto: 4,5

Covilo: Entra a dar manforte ai compagni nel finale, respingendo l’assalto basilese. Voto: 4

Gerndt: s.v.

Daprelà: s.v.

Jacobacci: Si gioca il tutto per tutto inserendo Abubakar al posto dell’infortunato Kecskés, evitando di sostituirlo con Daprelà. Il suo coraggio viene premiato e il cambio si rivela la mossa vincente, che permette ai bianconeri di ribaltare il confronto. Voto: 5

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1
  • 2

    Il paradosso bianconero, tra Croci-Torti e l’ipotesi Wicky

    Calcio

    Domani sera, alla Maladière, il Lugano affronta lo Xamax nei sedicesimi di finale di Coppa Svizzera - In panchina, a due settimane dall’esonero di Abel Braga, ci sarà ancora un tecnico ad interim - Ma il futuro allenatore potrebbe essere Raphael Wicky, sempre meno convincente alla guida dei Chicago Fire

  • 3

    Il calcio svizzero e la passione per lo sgambetto alle inglesi

    L’analisi

    Più volte, in Champions League, le squadre rossocrociate hanno dato un dispiacere a quelle d’oltremanica - Su un totale di 31 incontri disputati sono infatti ben 15 i risultati utili raccolti, la maggior parte dei quali ottenuti dal Basilea

  • 4
  • 5
  • 1
  • 1