Buon compleanno, calcio femminile

ANNIVERSARIO

Il 7 maggio 1881 ad Edimburgo si giocò la prima partita ufficiale fra rappresentanti del gentil sesso: a sfidarsi furono le selezioni della Scozia e dell’Inghilterra, con la vittoria delle padroni di casa

Buon compleanno, calcio femminile
(Foto Internet)

Buon compleanno, calcio femminile

(Foto Internet)

Il 7 maggio 1881 nacque il calcio femminile. Allo stadio Easter Road di Edimburgo si giocò la prima partita ufficiale fra due squadre composte esclusivamente da rappresentanti del gentil sesso. A sfidarsi furono le selezioni della Scozia e dell’Inghilterra; l’incontro finì con la netta vittoria delle padroni di casa per 3-0. Secondo la cronaca riportata dal “Glasgow Herald” le formazioni erano composte da donne fra i 18 e i 24 anni e numerosi spettatori non si persero un match attorno al quale c’era molta curiosità. Vuoi per sincerarsi del livello espresso sul rettangolo verde e vuoi, soprattutto, per vedere la tenuta delle ragazze (camicioni e calzoncini larghi). La rivincita fra le due nazionali andò in scena una decina di giorni dopo, il 16 maggio, allo Shawfields di Glasgow. Ma non durò a lungo: dopo 55 minuti l’arbitro dovette interrompere la contesa a causa di una rissa sugli spalti con conseguente invasione di campo. Tra maggio e giugno dello stesso anno vi furono altri sei derby con la netta supremazia, praticamente sempre, delle scozzesi la cui sede era a Stirling, città che nella storia del Paese ebbe un’importanza fondamentale fin dal XIII secolo: nel 1297, infatti, l’eroe popolare William Wallace sconfisse gli inglesi. Eroine, a loro modo, furono anche le donne che calcarono per la prima volta l’erba di uno stadio britannico. “Alla discriminazione sessuale – che faceva sì che, in quanto donne, la loro attività sportiva fosse osteggiata – si aggiungeva la discriminazione sociale. Così come la società non gradiva la commistione dei sessi sui campi da gioco, allo stesso modo disapprovava la compresenza di persone dello stesso sesso, ma di diversa estrazione sociale”, si legge nel libro “Play the game! Come gli inglesi inventarono lo sport moderno” di Enrico Martines.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1

    Jacobacci: «Non sono qui per stabilire record»

    Calcio

    Alla Maladière il Lugano vuole allungare la striscia delle vittorie e portarsi a +10 dal Neuchâtel Xamax penultimo in classifica - L’allenatore: «Un successo ci farebbe compiere un importante balzo verso la serenità sportiva»

  • 2

    Maxi Lopez, Lugano e Leo Messi

    CALCIO

    Il calciatore argentino, classe 1984, si è affidato al fisioterapista Roby Maragliano per rimettersi in forma dopo un infortunio – «Parlo solo di pallone, niente gossip» ci ha detto a Savosa – IL VIDEO

  • 3
  • 4

    Sabbatini: «Per alcuni di noi è più complicato»

    FC Lugano

    Il capitano dei bianconeri commenta la possibile cessione del club: «Il tema è nell’aria e abbiamo imparato a conviverci, però chi è in scadenza s’interroga» – Il centrocampista e il rapporto con Angelo: «Il suo addio? Dispiacerebbe a me e ai tifosi»

  • 5
  • 1
  • 1