C’è l’Hajduk Spalato per Tramezzani

Calcio

L’ex allenatore del Lugano riparte dal campionato croato

C’è l’Hajduk Spalato per Tramezzani
La foto di Tramezzani all’Hajduk. © Hajduk Spalato

C’è l’Hajduk Spalato per Tramezzani

La foto di Tramezzani all’Hajduk. © Hajduk Spalato

Ora è ufficiale: l’italiano Paolo Tramezzani è il nuovo allenatore dell’Hajduk Spalato, in Croazia. L’ex terzino, già allenatore del Lugano nella stagione 2016-17, culminata con il terzo posto sinonimo di Europa League, lascia nuovamente il ruolo di opinionista televisivo per rituffarsi in panchina.

«L’esperto 50enne italiano ha firmato oggi un contratto fino all’estate 2022» recita il comunicato pubblicato dall’Hajduk sul proprio sito ufficiale. «E assumerà da subito la gestione della prima squadra».

Tramezzani era senza rimasto squadra dopo le ultime esperienze: in Serie B con il Livorno e poi in Svizzera con il Sion, dove aveva centrato la salvezza. In attesa di una chiamata, stava ricoprendo il ruolo di seconda voce alla RAI. Attualmente l’Hajduk Spalato è quinto in classifica nel campionato croato, a ben 16 punti di distanza dalla capolista Dinamo Zagabria. La dirigenza ne ha approfittato per cambiare: via Boro Primorac e, appunto, dentro Tramezzani.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Calcio
  • 1

    Il passo indietro della difesa alimenta il momento negativo

    Calcio

    La solidità del reparto arretrato è sempre stata il fiore all’occhiello e il punto di forza del Lugano di Jacobacci - Dall’infortunio di Maric però i bianconeri hanno concesso, mediamente, oltre un gol a partita in più ai propri avversari

  • 2
  • 3
  • 4

    Il Lugano affonda a Cornaredo

    Calcio

    Bianconeri sconfitti 3-2 dal Lucerna: dopo essere stati due volte in vantaggio, i padroni di casa sono stati puniti da una doppietta di Tasar - LE FOTO

  • 5

    Una sfida capitale, aspettando Ziegler

    Calcio

    A Cornaredo arriva il Lucerna e il Lugano vuole tornare a vincere: costretto a rinunciare a Sabbatini e Custodio, mister Jacobacci ripropone la difesa a quattro, rilancia Guidotti e schiera insieme Bottani, Gerndt e Abubakar

  • 1
  • 1