Calcio femminile

«Caro Manchester City, siamo pronte»

Sara Tonelli, capitano del Lugano, non vede l’ora di affrontare le inglesi per l’andata dei sedicesimi della Champions League femminile – Stefania Maffioli: «Loro sono professioniste e noi no, ma daremo tutto» - LE FOTO

«Caro Manchester City, siamo pronte»
Sara Tonelli. (Foto Chiara Zocchetti)

«Caro Manchester City, siamo pronte»

Sara Tonelli. (Foto Chiara Zocchetti)

«Caro Manchester City, siamo pronte»
Manchester City Womens: da sinistra - Emanuele Gaiarin, presidente, Stefania Maffioli, allenatrice e la capitana Sara Tonelli.

«Caro Manchester City, siamo pronte»

Manchester City Womens: da sinistra - Emanuele Gaiarin, presidente, Stefania Maffioli, allenatrice e la capitana Sara Tonelli.

«Caro Manchester City, siamo pronte»

«Caro Manchester City, siamo pronte»

«Caro Manchester City, siamo pronte»

«Caro Manchester City, siamo pronte»

«Caro Manchester City, siamo pronte»

«Caro Manchester City, siamo pronte»

«Caro Manchester City, siamo pronte»

«Caro Manchester City, siamo pronte»

«Caro Manchester City, siamo pronte»

«Caro Manchester City, siamo pronte»

Ci siamo, è tutto pronto. Domani sera alle 21.00 il Lugano sfiderà il Manchester City per l’andata dei sedicesimi di finale della Champions League femminile. Una partita di cartello per un movimento - purtroppo - spesso sottovalutato. «È una bellissima occasione per noi e per il Ticino» sottolinea l’allenatrice bianconera Stefania Maffioli. «Le mie ragazze sono cariche, non vedono l’ora di scendere in campo. Io spero di farmi contagiare dalla loro energia ma preferisco mantenere un profilo basso. Affrontiamo una big del calcio femminile europeo, una formazione nata e costruita per vincere. Basti pensare che fra le 55 migliori calciatrici al mondo ce ne sono diverse che militano proprio nel Manchester. Loro poi sono professioniste a tutti gli effetti, noi ci troviamo la sera al campo per allenarci. Però va bene così, diremo la nostra. Il fatto di giocarci una sfida simile e di farlo a Lugano, beh, è già di per sé una vittoria».

Emozionata ma convinta Sara Tonelli, giovane capitano della squadra: «Siamo consapevoli che faremo da vetrina all’intero movimento femminile ticinese, però non avvertiamo troppa pressione a tal proposito. Siamo felici di poter giocare la Champions League. Se me l’avessero detto tempo fa forse non ci avrei creduto, anche se ho sempre pensato di poter ambire a simili livelli».

Il City intanto ha preso possesso del Principe Leopoldo, a conferma che la società inglese non vuole lasciare nulla di intentato. La società bianconera invece sta terminando i lavori di preparazione in vista del match. Michele Campana, direttore generale dei bianconeri, si aspetta fra le 1.500 e le 2.000 persone. Si mormora che le Teste Matte, storico gruppo ultrà al seguito della prima squadra maschile, sosterrà le ragazze allo stadio. L’UEFA per questo doppio confronto verserà un minimo di 70 mila euro al Lugano. Cifra che permetterà di coprire i costi per l’organizzazione della sfida casalinga e la futura trasferta a Manchester.

La preparazione alla partita in un tweet di poco fa della società:

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Calcio
  • 1