«Celestini? Jacobacci ha dato maggiore solidità»

Calcio

Il Lugano torna a sfidare il Lucerna e il suo vecchio allenatore - Il doppio ex Dario Rota analizza partita e tecnici: «Per i bianconeri si apre una settimana decisiva, un anno fa giocavano forse meglio ma oggi la squadra è più stabile»

«Celestini? Jacobacci ha dato maggiore solidità»
Maurizio Jacobacci e Fabio Celestini tornano a incrociarsi a 18 giorni di distanza. ©Keystone/Davide Agosta

«Celestini? Jacobacci ha dato maggiore solidità»

Maurizio Jacobacci e Fabio Celestini tornano a incrociarsi a 18 giorni di distanza. ©Keystone/Davide Agosta

Di nuovo applausi meritati. Ed entusiasmo, per un’altra prova di spessore in questo finale di stagione. Sì, il Lugano è vivo, vivissimo. Continua a lanciare segnali importanti, se vogliamo. Eppure non può ancora dirsi sereno, complice una classifica che resta insidiosa nonostante contro le tre big Basilea-YB-San Gallo siano arrivati 4 punti conditi da tanta fiducia. Tutto molto bello. Ma il trittico decisivo, che chiarirà definitivamente lo status dei bianconeri - squadra salva o a rischio retrocessione? -, è quello in arrivo. Domani il Lucerna di Fabio Celestini e poi, soprattutto, le sfide con Thun e Sion. Della serie: reggetevi forte.

«Effettivamente si tratta di un crocevia per i bianconeri» afferma Dario Rota, ex giocatore di Lugano e Lucerna. «Maric e compagni sono chiamati a dimostrare...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1
  • 1