Cinque cambi per sempre? Ecco chi ci guadagna

Calcio

L’IFAB ha confermato di voler rendere permanente la novità introdotta in piena emergenza pandemica: ma il superamento delle tre sostituzioni rischia di rispondere a interessi diversi da quelli originali - Sorridono club ricchi, tecnici e procuratori - Tattica e strategia prevarranno su incertezza e fatica

Cinque cambi per sempre? Ecco chi ci guadagna
Introdotte eccezionalmente nell’estate del 2020, le cinque sostituzioni sono destinate a diventare la regola.

Cinque cambi per sempre? Ecco chi ci guadagna

Introdotte eccezionalmente nell’estate del 2020, le cinque sostituzioni sono destinate a diventare la regola.

È l’87’ di Young Boys-Atalanta. I gialloneri sono appena passati in vantaggio, dopo aver rimontato ben due volte l’avversario. Il Wankdorf è un catino che tracima entusiasmo e incredulità. C’è aria d’impresa. Gli ottavi di finale di Champions League, di colpo, non sembrano impossibili. Gian Piero Gasperini, però, ha ancora una carta da giocare. Si chiama Luis Muriel e impiegherà una trentina di secondi per entrare in campo e segnare la punizione che permetterà alla Dea di salvare un punto in extremis. Il colombiano è il cambio numero cinque in casa bergamasca. Poco importa se figlio dell’intuito o della disperazione del tecnico. Sta di fatto che due anni fa, probabilmente, nulla di tutto ciò si sarebbe verificato. Già, con sole tre sostituzioni a disposizione, il Gasp quel calcio da fermo lo...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1

    Indizi bianconeri, vizi comuni

    Calcio

    L’inchiesta che ha travolto la Juventus in relazione alle presunte plusvalenze fittizie riaccende i riflettori su un sistema perverso e praticato da molti - Marco Bellinazzo: «È il sintomo di un malessere economico condiviso, anche se determinare il prezzo di un calciatore, ed eventuali abusi, resta complicato»

  • 2

    Il Pallone d’oro va ancora a Leo Messi

    Calcio

    L’argentino, che ha ricevuto per la settima volta il riconoscimento promosso da France Football, è stato preferito a Robert Lewandowski (Bayern) e Jorginho (Chelsea)

  • 3
  • 4
  • 5
  • 1
  • 1