Črnigoj: «Abbiamo realizzato un sogno, ma il bello arriva adesso»

Calcio

Il 25.enne sloveno, partito da Cornaredo la scorsa estate per cercar fortuna in Serie B, ha festeggiato una storica promozione nel massimo campionato italiano - Un’esperienza che l’ex bianconero si ricorderà per sempre, culminata in una serie di celebrazioni alquanto pittoresche tra la Laguna e il Canal Grande

Črnigoj: «Abbiamo realizzato un sogno, ma il bello arriva adesso»
Il 25.enne è reduce da un ritiro con la nazionale slovena. © EPA/Georgi Licovski

Črnigoj: «Abbiamo realizzato un sogno, ma il bello arriva adesso»

Il 25.enne è reduce da un ritiro con la nazionale slovena. © EPA/Georgi Licovski

Domen, ormai sono passati alcuni giorni dalla storica promozione in Serie A del suo Venezia. I festeggiamenti sono finalmente terminati?

«Sì, adesso direi di sì (ride, ndr.). Subito dopo la promozione abbiamo trascorso quarantotto ore pazzesche, di baldoria ininterrotta. La città si è fermata per accogliere la Serie A, è qualcosa che - personalmente - non scorderò mai. Abbiamo attraversato il Canal Grande a bordo di un’imbarcazione a remi condotta dai tipici gondolieri veneziani, con la gente che si è riversata a bordo di diversi natanti e ci ha scortato fino alla laguna, a mo’ di corteo. Poi, una volta giunti in Piazza San Marco, è iniziato il delirio. Ho vissuto due giorni intensi, poi sono dovuto partire per raggiungere il ritiro della Nazionale slovena, dunque ho dovuto abbandonare i bagordi....

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1

    Pareggio tra Spagna e Polonia

    calcio

    A Siviglia, nella seconda giornata del gruppo E, i polacchi hanno giocato una partita tutta grinta e carattere - Gli iberici hanno sprecato molte occasioni, compreso un rigore

  • 2

    Petkovic: «Abbiamo sofferto abbastanza»

    Calcio

    Il commissario tecnico della Nazionale lancia la sfida decisiva contro la Turchia: «Non possiamo più influenzare il passato, solo dare il massimo in campo e regalare una grande gioia a tutta la Svizzera»

  • 3
  • 4
  • 5
  • 1
  • 1