«Difficile ottenere di più»

Calcio

Dopo Mattia Bottani anche il portiere bianconero Sebastian Osigwe è risultato positivo al coronavirus - Ordinata la quarantena per altri sei giocatori, ai quali il medico cantonale permetterà di allenarsi in regime di bolla sanitaria - Il team doctor Marco Marano: «Un esempio da considerare anche in altri cantoni, dove forse non c’è la sensibilità di Merlani»

«Difficile ottenere di più»
©CdT/Chiara Zocchetti

«Difficile ottenere di più»

©CdT/Chiara Zocchetti

Una giornata col fiato sospeso. Snervante, di attesa. L’ha vissuta ieri il Football Club Lugano, aggrappato con un mano all’esito dei tamponi a tappeto effettuati in squadra e con l’altra alle valutazioni del medico cantonale Giorgio Merlani. Infine, l’esito dolceamaro annunciato attorno alle 19. Dopo Mattia Bottani, risultato positivo lunedì, anche Sebastian Osigwe è finito nella morsa del coronavirus. Questo il risultato degli esami medici ai quali si sono sottoposti squadra e staff, non appena venuti a conoscenza della contagiosità del «Botta». All’isolamento dei due giocatori citati, si è tuttavia reso necessario sommare la quarantena di altri sei bianconeri. Proprio così. E questo - ha sottolineato il club - «malgrado il completo rispetto del concetto di protezione “COVID-19” della SFL...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1
  • 1