«E c’è chi parlava di crisi»

Calcio

L’allenatore del Lugano Maurizio Jacobacci si toglie un sassolino dalla scarpa dopo il bel successo di San Gallo: «Ma il secondo posto in classifica è relativo»

«E c’è chi parlava di crisi»
© Keystone/Christian Merz

«E c’è chi parlava di crisi»

© Keystone/Christian Merz

Sei partite consecutive senza vittorie, una fase offensiva sterile e qualche preoccupazione che piano piano – inutile negarlo, almeno all’esterno - iniziava ad affiorare. Dubbi e schemi mentali residui di un passato in cui situazioni come quella appena descritta sfociavano poi in crisi vere e proprie, con tutte le conseguenze del caso. Fantasmi, chiamiamoli così, che però da quando Maurizio Jacobacci siede sulla panchina bianconera – e forse qualcuno lo ha dimenticato troppo in fretta – non aleggiano più dalle parti di Cornaredo. La (ri)prova? La vittoria ottenuta ieri a San Gallo. Un successo sofferto, conquistato da una squadra che - nonostante le avversità – ha dimostrato una volta di più di avere un carattere straordinario.

Sofferenza e ricompensa

Sì, perché se c’è una cosa che il tecnico...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1

    Lo Young Boys firma l’impresa

    Calcio

    I gialloneri hanno eliminato il Bayer Leverkusen nei sedicesimi di finale di Europa League - Nella gara di ritorno, in Germania, è finita 0-2 con reti di Siebatcheu e Fassnacht

  • 2

    Ma alla fine quanto vale Lionel Messi?

    Calcio

    Le rivelazioni sul contratto monstre dell’argentino, 555 milioni di euro lordi in quattro stagioni, hanno suscitato scalpore e indignazione - «Grazie al giocatore il Barcellona ha visto crescere il fatturato da 140 a 800 milioni, ecco perché lo stipendio è legittimo» replica l’esperto Marco Bellinazzo

  • 3
  • 4
  • 5

    Zico: «Nella mia vita non avevo mai visto un termosifone»

    Calcio

    Il brasiliano, tra i più forti giocatori di tutti i tempi, ripercorre le tappe che hanno segnato la sua carriera in giro per il mondo - Dal Flamengo al Giappone, passando per il trasferimento clamoroso all’Udinese e l’amichevole contro il Lugano a Cornaredo

  • 1
  • 1