È morto Phil Masinga

LUTTO NEL CALCIO

Malato da tempo, era considerato un eroe nazionale dopo aver ottenuto con i compagni la storica qualificazione del Sudafrica ai Mondiali del 1998 - Militò nel San Gallo e nel Bari

È morto Phil Masinga
(Foto Twitter)

È morto Phil Masinga

(Foto Twitter)

PRETORIA - Lutto nel mondo del calcio. È morto a 49 anni Phil Masinga, che militò nel San Gallo nella stagione ‘96-’97. L’attacante sudafricano approdò poi in Italia, prima nella Salernitana, poi nel Bari, dove rimase fino al 2001, giocando 75 partite e siglando 24 reti. A dare l’annuncio è la federcalcio di Pretoria: era malato da tempo ed era stato ricoverato a fine dicembre, nell’ultimo periodo le sue condizioni si erano aggravate. «Se ne va una leggenda, è un giorno tristissimo» dice il presidente della Federazione Danny Jordaan.

Masinga, che viveva in Sudafrica, era considerato un eroe nazionale: suo il gol contro il Congo che permise nel 1997 alla sua nazionale di qualificarsi per la prima volta per la fase finale dei Mondiali del 1998 i Francia. Con la maglia dei “Bafana Bafana” vantava 58 presenza e 18 reti.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1

    Il piano d’emergenza dell’UEFA, tra diktat e campi neutri

    Calcio

    Nyon e le 55 federazioni hanno varato un severo protocollo per permettere lo svolgimento delle coppe europee - In caso di contagi in squadra bastano 13 giocatori sul foglio partita - Corridoi d’emergenza in Polonia, Ungheria, Grecia e Cipro

  • 2

    Vaduz in paradiso, Thun retrocesso

    Calcio

    Non basta il successo per 4-3 dei bernesi - In virtù del 2-0 della gara d’andata gli uomini di Frick conquistano la promozione in Super League

  • 3

    «O in più di mille, o ci schiantiamo»

    L’ultimo appello

    Claudius Schäfer e Denis Vaucher chiedono al Governo di salvare lo sport professionistico - Il CEO della Swiss Football League: «Abbiamo più esperienza e diamo grande peso ai nuovi piani di protezione» - «Se non si alza il limite degli spettatori dovremo riflettere a un possibile lockout» avvisa il direttore della Lega hockey

  • 4
  • 5
  • 1
  • 1