Fabio Daprelà decisivo nel bene e nel male

calcio

I voti dell’inviato ai giocatori bianconeri

Fabio Daprelà decisivo nel bene e nel male
©KEYSTONE / Laurent Gillieron

Fabio Daprelà decisivo nel bene e nel male

©KEYSTONE / Laurent Gillieron

LE PAGELLE

BAUMANN 4.5: viene spiazzato dal rigore di Grgic, poi all’85’ si supera sulla punizione del centrocampista vallesano.

KECSKÉS 4: qualche errore di troppo, ma argina bene gli attaccanti biancorossi.

MARIC 4.5 : sempre solido e sicuro negli interventi. È una garanzia.

DAPRELÀ 4.5: provoca il rigore al 73', ma è lui a regalare ai suoi il pareggio allo scadere. Decisivo.

LAVANCHY 4.5: instancabile e presente in tutte le zone del campo.

CUSTODIO 4.5: disputa un buon primo tempo e si rende pericoloso su una punizione dal limite. La sua partita finisce però al 45’ per infortunio.

COVILO 4: entra a inizio secondo tempo per sostituire Custodio e aiuta la squadra senza strafare.

SABBATINI 4,5: prova generosa, ma anche lui deve lasciare il campo in anticipo per infortunio.

LOVRIC 4.5: solido dietro e molto propositivo davanti. Si divora il gol del vantaggio dopo pochi minuti. Peccato per l’ammonizione che gli farà saltare la sfida di mercoledì.

GUERRERO 4: buon lavoro soprattutto nella fase difensiva. Potrebbe osare di più davanti

BOTTANI 4.5: nei primi minuti è incontenibile e dà il via a ripartenze interessanti. Può però essere più incisivo.

GERNDT 4: riesce a rendersi pericoloso in alcune occasioni, ma è troppo impreciso negli ultimi metri.

LUNGOYI 4: ha le qualità, ma manca ancora qualcosa negli ultimi metri.

ARDAIZ 3.5: deve assolutamente essere più cinico davanti al portiere avversario.

MACEK E FACCHINETTI s.v.

JACOBACCI 4: un buon pareggio in una sfida non facile, ma è consapevole che davanti manca ancora la scintilla.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1
  • 2

    Difesa in emergenza, ma obiettivo tre punti

    Calcio

    Per la sfida di domenica contro il Losanna, mister Jacobacci deve rinunciare a Maric, Guerrero e Kecskés - «Un’intera settimana di lavoro ci ha però fatto bene» sottolinea il tecnico del Lugano

  • 3

    Lo Ziegler d’America: «Caro Lugano, possiamo fare bene»

    Calcio

    Il neoacquisto dei bianconeri, reduce dall’esperienza nella Major League Soccer, affronta di petto gli scettici: «I miei 35 anni? Sono solo un numero, dentro di me c’è un fuoco che arde e nel Lugano ho trovato una squadra ambiziosa» - «La passione a Dallas è incredibile, ma il 2020 è stato difficile: per il ginocchio a terra durante l’inno abbiamo ricevuto tanti fischi»

  • 4

    Lo Young Boys firma l’impresa

    Calcio

    I gialloneri hanno eliminato il Bayer Leverkusen nei sedicesimi di finale di Europa League - Nella gara di ritorno, in Germania, è finita 0-2 con reti di Siebatcheu e Fassnacht

  • 5

    Ma alla fine quanto vale Lionel Messi?

    Calcio

    Le rivelazioni sul contratto monstre dell’argentino, 555 milioni di euro lordi in quattro stagioni, hanno suscitato scalpore e indignazione - «Grazie al giocatore il Barcellona ha visto crescere il fatturato da 140 a 800 milioni, ecco perché lo stipendio è legittimo» replica l’esperto Marco Bellinazzo

  • 1
  • 1