Fondo Elliott nuovo proprietario del Milan

Previsto subito un apporto di 50 milioni di euro di equity al club per stabilizzarne le finanze

Fondo Elliott nuovo proprietario del Milan

Fondo Elliott nuovo proprietario del Milan

MILANO - Il fondo Elliott è il nuovo proprietario del Milan. L'ufficialità del passaggio in una nota pubblicata nella tarda serata di ieri dove il fondo spiega la sua visione: "Creare stabilità finanziaria e di gestione, ottenere successi di lungo termine per AC Milan cominciando dalle fondamenta, assicurandosi che il club sia adeguatamente capitalizzato, e condurre un modello operativo sostenibile che rispetti le regole della Uefa sul Financial Fair Play".

Da questo deriva subito il primo impegno: "Apportare 50 milioni di euro di equity al club per stabilizzarne le finanze". Elliott pianifica di apportare, nel tempo, ulteriori capitali per finanziare la crescita di AC Milan".

Il passaggio di proprietà, con trasferimento delle quote a fondi gestiti da Elliott "è avvenuto all'esito dell'escussione di alcune garanzie a seguito dell'inadempimento, da parte del precedente proprietario di AC Milan, delle proprie obbligazioni nei confronti di Elliott". Si tratta dei 32 milioni di euro che Yonghong Li avrebbe dovuto rimborsare al fondo venerdì scorso.

Elliott è "pienamente consapevole della sfida e dell'impegno che derivano dall'essere proprietari di un'istituzione così importante" e "non è soltanto lieta di supportare il club durante questo momento di difficoltà, ma anche della sfida di raggiungere obiettivi ambiziosi in futuro attraverso il successo sul campo da parte del tecnico Gattuso e dei suoi giocatori".

Domani è convocato il consiglio di amministrazione dell'AC Milan per prendere atto dei cambiamenti nell'azionariato e convocare la data della prossima assemblea.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1
    Calcio

    Niente ritiro luganese per la Nazionale

    In caso di qualificazione la Svizzera preparerà l’Euro 2020 in un’altra location - Il Ticino era stato scelto nel 2016 e nel 2018 - Roberto Mazza: «Il terreno di Cornaredo non c’entra, è una questione di equilibri regionali»

  • 2
  • 3
  • 4
    Memorie

    Storie di calcio e razzismo

    Attraverso una ventina di episodi quasi rimossi tra passato e presente due giornalisti ripercorrono in un volume di drammatica attualità il pericoloso rapporto tra il gioco più bello del mondo e l’insidioso veleno della discriminazione

  • 5
  • 1