Il calcio giovanile è in lockdown, l’ASF cerca una via d’uscita

Calcio

Le Under rossocrociate non giocano sfide internazionali praticamente da un anno e i rischi per il futuro della Nazionale non mancano - Francesco Gabriele: «Cambierà il sistema di selezione, i giocatori saranno osservati più a lungo: siamo un Paese piccolo e abbiamo meno diritto all’errore»

Il calcio giovanile è in lockdown, l’ASF cerca una via d’uscita
©Keystone/Peter Klunzer

Il calcio giovanile è in lockdown, l’ASF cerca una via d’uscita

©Keystone/Peter Klunzer

Da un lato Champions ed Europa League. Dall’altro gli Europei itineranti e quelli U21. Per tenerli in vita e organizzarli, l’UEFA sta facendo i salti mortali. «The show must go on», già. La colonna sonora, tuttavia, non è la stessa per tutti. Anzi. Sul calcio giovanile - e le rispettive competizioni - è infatti calato un silenzio assordante. Gli ultimi aggiornamenti? Niente Youth League (il torneo dedicato alle Under 19 dei club che si contendono la coppa dalle grandi orecchie) e addio Europei U19 maschili e femminili. Se a ciò si somma un anno e più senza tornei, qualificazioni e amichevoli internazionali, ecco che il quadro dei settori giovanili e delle varie Under nazionali assume un quadro desolante. Un vero e proprio lockdown sportivo, dal quale non sarà per nulla evidente riemergere....

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1
  • 1