Il fatto

Il calcio regionale e quell’innocenza perduta

Un tentativo di combine per Ascona-Castello, soldi e rimborsi spese: la Seconda Lega è nell’occhio del ciclone – Viaggio all’interno di un movimento che dovrebbe favorire l’entusiasmo ma finisce per imitare i professionisti

Il calcio regionale e quell’innocenza perduta
Il tentativo di combine è stato esposto da un giocatore del Castello ai suoi compagni sulla chat di squadra di WhatsApp. (Foto Putzu)

Il calcio regionale e quell’innocenza perduta

Il tentativo di combine è stato esposto da un giocatore del Castello ai suoi compagni sulla chat di squadra di WhatsApp. (Foto Putzu)

ASCONA - Strano mondo, il calcio regionale. Dovrebbe rappresentare gioia, spensieratezza, divertimento. Volendo sforare nel filosofico, la purezza del gioco. Invece scimmiotta il professionismo. Sembra di vivere nella repubblica dell’iperbole: la Seconda Lega è un fiorire di direttori sportivi, dirigenti, calciatori a libro paga. Perfino tentativi di combine. Avete capito bene....

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Calcio
  • 1