Il calendario folle del calcio svizzero

Calcio

La Swiss Football League ha sottoposto ai club il piano per portare a termine due stagioni in meno di un anno - Squadre in campo ogni 4 giorni per concludere questo campionato - Ma si giocherà pure a Santo Stefano

Il calendario folle del calcio svizzero
Per la Swiss Football League non c’è tempo da perdere. ©Keystone/Urs Flueeler

Il calendario folle del calcio svizzero

Per la Swiss Football League non c’è tempo da perdere. ©Keystone/Urs Flueeler

Tanti auguri a massaggiatori, fisioterapisti e medici dei club. Davvero, ce ne sarà bisogno. Sì, perché definire un «tour de force» il calendario varato dalla Swiss Football League in previsione della ripresa della stagione appare ingeneroso. Nei confronti, ça va sans dire, dei giocatori, chiamati a scendere in campo praticamente ogni 4 giorni a partire dal 20 giugno. Una mazzata, fisicamente e psicologicamente parlando. Alla scelta dalla lega per il ritorno in scena di Super e Challenge League manca un mese. Meno di una settimana invece all’assemblea straordinaria che darà luce verde o meno alla ripartenza della stagione 2019-20. Ma al netto delle contrarietà e delle pretese di alcune società - dall’accoppiata Lugano-Sion alle aspiranti alla promozione Losanna e Yverdon - la SFL non sembra intenzionata a fermarsi. E il cervellotico e a tratti folle piano sottoposto alle 20 realtà del calcio professionistico svizzero ne sono la prova più convincente.

Una super festa nazionale

Prima dello stop alle gare imposto dal coronavirus, alla conclusione del campionato mancavano 13 match. Ecco, la strategia elaborata dalla lega mira allo svolgimento di questi incontri dal weekend del 19-21 giugno a quello dell’11-12 agosto. Tredici sfide in nemmeno due mesi. Avete capito bene. E se il concetto non fosse ancora chiaro basta citare, quali esempi concreti, i ritmi delle prime due settimane di competizione: i turni 24, 25, 26 e 27 sono rispettivamente in programma il 20-21 giugno, il 23-25 giugno, il 27-28 giugno e il 4-5 luglio. E non tutti potranno tirare il fiato a cavallo dei due mesi. Anche la Coppa Svizzera è infatti rimasta indietro, ai quarti di finale per la precisione. Qui gli scontri diretti riprenderanno così il 1.-2 luglio, mentre le semifinali sono state agendate tra il 14 e il 16 dello stesso mese. Certa di omaggiare il trofeo, la SFL ha poi deciso di far disputare la finalissima dello Stade de Suisse di Berna il 1. agosto. Archiviato l’atto finale della coppa resteranno ancora tre turni per decretare il campione svizzero e la vincente della Challenge League. Il barrage tra l’ultima di Super e la seconda classificata della Lega cadetta prevede invece la gara di andata il 15 o 16 agosto e quella di ritorno il 18 o 19.

Una pausa brevissima

Abituate a prendersi una pausa di quasi 2 mesi, a questo giro Super e Challenge League torneranno a essere protagoniste nel giro di tre settimane. No, la SFL non si è fermata alla stagione in corso, ma ha messo nero su bianco tutte le date del torneo 2020-21. E dunque: i campionati in questione inizieranno l’8-10 settembre. Nel frattempo, a fine agosto, si saranno già consumati i 32. di finale di Coppa. Della serie: guai a perdere tempo. Anche perché da settembre torneranno a occupare spazio prezioso le nazionali. Già, dimenticavamo il palcoscenico internazionale. Come noto, tra inizio e fine agosto si cercherà di terminare le fasi finali di Champions ed Europa League. Il paradosso? In contemporanea scatteranno i turni preliminari della nuova stagione continentale.

Quante partite sotto l’albero

Partendo a settembre, la prossima stagione del campionato svizzero dovrà recuperare circa un mese e mezzo di tempo. Giugno 2021 farà in effetti rima con Europei. Che fare, quindi? Beh, il comitato direttivo della Lega non si è inventato nulla di nuovo, andando di fatto a scopiazzare quanto avviene in altri tornei. Tradotto: si giocherà a Santo Stefano - il «boxing day» del 26 dicembre - come pure il 27, 28, 29, 30 e 31. Proprio così: chi lo vorrà potrà preparare il veglione di Capodanno con la Super e la Challenge League in sottofondo. E sarà possibile fare lo stesso per digerire i bagordi e i primi pranzi del 2021, grazie agli incontri pianificati il 2 e il 3 gennaio. Va da sé che la pausa invernale sarà ridotta all’osso. Le squadre saranno in campo già il 23 gennaio dopo aver disputato 30 turni in meno di 7 mesi. Con tanti auguri a massaggiatori, fisioterapisti e medici dei club.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1
  • 1