Il caso ACB e i campionati nel mirino: «Ma basta completare la metà dei match»

Calcio

Giocatori in quarantena e datori di lavoro preoccupati - Le regole a livello semi-professionistico e amatoriale e il peso dei Cantoni - Luca Zorzi: «In Seconda Lega interregionale giocato il 95% delle partite in calendario»

Il caso ACB e i campionati nel mirino: «Ma basta completare la metà dei match»
Dopo la positività di un giocatore metà squadra del Bellinzona è finita in quarantena. ©CdT/Gabriele Putzu

Il caso ACB e i campionati nel mirino: «Ma basta completare la metà dei match»

Dopo la positività di un giocatore metà squadra del Bellinzona è finita in quarantena. ©CdT/Gabriele Putzu

Le classiche 8 ore e spiccioli al lavoro, inframmezzate con caffè e pausa pranzo insieme ai colleghi. Poi l’allenamento, non prima delle 18. E infine il ritorno a casa, da moglie e piccolino o dalla fidanzata. Eccola - riassunta in modo grossolano, certo - la quotidianità di molti calciatori che calcano i campi dalla Promotion League in giù. Logica, e inevitabile, la maggiore esposizione al coronavirus. E il potenziale riverbero su compagni, amici, conoscenti. Tanto che ora verso i campionati semi-professionistici e amatoriali si punta facilmente il dito. Addirittura lo stesso presidente del Bellinzona Paolo Righetti, a fronte di mezza squadra finita in quarantena per un caso positivo, non le ha mandate a dire. «Per me non avremmo nemmeno dovuto iniziare la stagione e spero che qualcuno a questo...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1
  • 1