CALCIO

Il Chiasso perde ma può ancora sperare

Rossoblù battuti in casa dall'Aarau - Ma il discorso salvezza rimane ancora aperto complice la sconfitta del Rapperswil - LE FOTO

 <b>Il Chiasso perde ma può ancora sperare</b>
(Foto Zocchetti)

Il Chiasso perde ma può ancora sperare

(Foto Zocchetti)

 <b>Il Chiasso perde ma può ancora sperare</b>

Il Chiasso perde ma può ancora sperare

 <b>Il Chiasso perde ma può ancora sperare</b>

Il Chiasso perde ma può ancora sperare

 <b>Il Chiasso perde ma può ancora sperare</b>

Il Chiasso perde ma può ancora sperare

 <b>Il Chiasso perde ma può ancora sperare</b>

Il Chiasso perde ma può ancora sperare

 <b>Il Chiasso perde ma può ancora sperare</b>

Il Chiasso perde ma può ancora sperare

CHIASSO - Non è bastato chiamare a raccolta il pubblico rossoblù, con una serie di iniziative popolari (tra cui l'entrata libera). Il Chiasso, davanti a 1800 spettatori, è uscito sconfitto per 1 a 0. Gli uomini di Manzo possono quantomeno ancora credere nella salvezza dal momento che pure il Rapperswil (a +2 in classifica) è stato battuto a domicilio, nella fattispecie dal Winterthur.

Al Riva IV, il Chiasso è sceso in campo con buone intenzioni ma davvero troppa approssimazione, complice forse la pressione per il momento. La linea difensiva, in particolare, è fragile e insicura. Proprio da una cattiva lettura di un pallone alto nasce il vantaggio argoviese: Giorno e Lurati non si capiscono, e allora ne approfitta Schneuwly per liberare Misic, che in diagonale al 17' fredda Belometti. La reazione del Chiasso arriva, ma ci si mette anche la sfortuna: un'incornata di Pollero, su corner, finisce sulla traversa.

Nella ripresa, le buone notizie arrivano da Rapperswil, dove il Winterthur prende il largo. Al Riva IV, intanto, dopo un bel salvataggio di Belometti, il Chiasso si risveglia, riuscendo a rendersi pericoloso in area. All'ora di gioco ci provano Lurati (miracolo di Nikolic) e Josipovic (a lato), quindi tocca a Giorno (tiro rimpallato). La sfuriata dei padroni di casa però si esaurisce così, senza produrre effetti. A tempo scaduto, infine, Frontino sfiora il cosmetico raddoppio.

E allora per il Chiasso l'ultima spiaggia sarà domenica: imperativo vincere sul campo del Wil, e sperare che l'Aarau si ripeta contro il Rapperswil.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Calcio
  • 1