Il Chiasso riparte dal Winterthur

Calcio

Domani sera al Riva IV gli uomini di Baldo Raineri riprendono la corsa verso la salvezza - Per la prima sfida del 2021 mancheranno due pedine importanti: Maccoppi e Hajrizi

Il Chiasso riparte dal Winterthur
Gli uomini di Baldo Raineri hanno un punto in meno rispetto al Neuchâtel Xamax penultimo © Ti-Press/Francesca Agosta

Il Chiasso riparte dal Winterthur

Gli uomini di Baldo Raineri hanno un punto in meno rispetto al Neuchâtel Xamax penultimo © Ti-Press/Francesca Agosta

Anche per la Challenge League e in particolare per il Chiasso di Baldo Raineri, è tempo di tornare in campo. Dopo una pausa abbreviata dettata dalle tempistiche serrate per portare a termine la corrente stagione, il campionato cadetto è pronto a riaprire i battenti e lo fa con il botto, proponendo subito uno stuzzicante match di vertice tra Grasshopper e Stade Losanna-Ouchy, le prime due della classe al termine dei primi quindici turni. Il Chiasso, invece, domani sera (19.00) ospiterà il Winterthur al Riva IV, dove sostanzialmente riprenderà la corsa verso la salvezza. Mancheranno due pedine di peso: gli squalificati Maccoppi e Hajrizi. I rossoblù in questo mercato invernale reso ancor più complicato dalle difficoltà economiche legate alla pandemia, hanno operato soprattutto attraverso ingaggi via prestito e con gli svincolati. Alla corte di Raineri sono dunque giunti l’attaccante Carlo Manicone (in prestito dal Lugano) e il difensore Samuele Delli Carri (svincolato, di ritorno nella realtà rossoblù). Alla voce partenze si registrano invece gli addii del portiere Loïc Jacot (di ritorno a Lucerna dopo il prestito), il centrocampista Edmond Berzati (anche lui di rientro a Bellinzona dopo un prestito) e il centrocampista Stephan Andrist (ora svincolato). L’obiettivo del club di confine - come detto - resta uno e uno solo: la salvezza. I sottocenerini avevano concluso in crescendo il loro 2020, incamerando due successi nelle ultime quattro uscite e soprattutto mostrando una progressione dal punto di vista del gioco e delle prestazioni. Il tecnico siciliano dei rossoblù, da noi recentemente intervistato, si è detto convinto che la sua squadra alla fine riuscirà a salvarsi («Addirittura prima dell’ultima giornata», così si era espresso). Un traguardo pienamente raggiungibile, considerando che il penultimo posto - attualmente occupato dal Neuchâtel Xamax - dista un solo punto, mentre l’ottavo (Wil) e il settimo (Kriens) appena due.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1
  • 2

    Difesa in emergenza, ma obiettivo tre punti

    Calcio

    Per la sfida di domenica contro il Losanna, mister Jacobacci deve rinunciare a Maric, Guerrero e Kecskés - «Un’intera settimana di lavoro ci ha però fatto bene» sottolinea il tecnico del Lugano

  • 3

    Lo Ziegler d’America: «Caro Lugano, possiamo fare bene»

    Calcio

    Il neoacquisto dei bianconeri, reduce dall’esperienza nella Major League Soccer, affronta di petto gli scettici: «I miei 35 anni? Sono solo un numero, dentro di me c’è un fuoco che arde e nel Lugano ho trovato una squadra ambiziosa» - «La passione a Dallas è incredibile, ma il 2020 è stato difficile: per il ginocchio a terra durante l’inno abbiamo ricevuto tanti fischi»

  • 4

    Lo Young Boys firma l’impresa

    Calcio

    I gialloneri hanno eliminato il Bayer Leverkusen nei sedicesimi di finale di Europa League - Nella gara di ritorno, in Germania, è finita 0-2 con reti di Siebatcheu e Fassnacht

  • 5

    Ma alla fine quanto vale Lionel Messi?

    Calcio

    Le rivelazioni sul contratto monstre dell’argentino, 555 milioni di euro lordi in quattro stagioni, hanno suscitato scalpore e indignazione - «Grazie al giocatore il Barcellona ha visto crescere il fatturato da 140 a 800 milioni, ecco perché lo stipendio è legittimo» replica l’esperto Marco Bellinazzo

  • 1
  • 1