Il Lugano non si ferma, a Ginevra arriva un pari

Calcio

I bianconeri soffrono nel finale ma riescono a ottenere un prezioso 1 a 1 sull'ostico campo del Servette

 Il Lugano non si ferma, a Ginevra arriva un pari
©KEYSTONE/Salvatore Di Nolfi

Il Lugano non si ferma, a Ginevra arriva un pari

©KEYSTONE/Salvatore Di Nolfi

I bianconeri soffrono nel finale ma riescono a ottenere un prezioso pareggio sull'ostico campo del Servette. Alla rete di Kyei nel primo tempo risponde l'ottimo Lavanchy. Il Lugano rimane così imbattuto in stagione e si gode il secondo posto in campionato.

I primi 15’ trascorrono senza particolari pericoli e con ritmi relativamente bassi. Ad accendere la partita ci pensa Lovric con un tiro dalla distanza, che però non impensierisce particolarmente l’estremo difensore granata. Due giri di orologio più tardi i padroni di casa, approfittando di un Lugano particolarmente sbilanciato, sfiorano la rete del vantaggio ma la conclusione di capitan Sauthier è ben rimpallata da Guerrero. Nei minuti successivi è la noia a farla da padrona: nessuna delle due squadre riesce a prendere in mano le redini del confronto. Al 38’, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, il Servette trova la via del gol con Kyei, bravo a girarsi in area e a sorprendere Baumann.

Nella ripresa gli uomini di Jacobacci prendono in mano il pallino del gioco, provando a rendersi pericolosi con Odgaard, ma l’attaccante pasticcia in area. Il Lugano è più presente e al 63’ Lavanchy trova il pareggio grazie a un bel gol: il numero 16 si gira in aria – la retroguardia granata è particolarmente colpevole - e supera Frick.

Con il passare dei minuti il Lugano cala e sul finire della partita è il Gimevra a rendersi più volte pericoloso. Al 89’ un errore di piazzamento della retroguardia bianconera permette a Kone di presentarsi solo davanti a Baumann. L’attaccante ginevrino però colpisce il palo. Nei minuti di recupero è invece Ondoua a rendersi di nuovo pericoloso, ma per i bianconeri il triplice fischio dell’arbitro è una liberazione.

Ginevra Servette 1

Lugano 1

1-0

Reti: 38’ Kyei, 63’ Lavanchy.

Arbitro: Alessandro Dudic.

G. Servette: Frick; Sauthier, Rouiller, Sasso, Mendy; Ondoua, Valls (68’ Diallo), Antunes (54’ Cespedes), Cognat, Imeri; Kyei (69’ Kone).

Lugano: Baumann; Kecskés, Maric, Daprelà; Lavanchy, Lovric, Custodio , Macek (76’ Covilo), Guerrero, Gerndt (76’ Ardaiz), Odgaard (57’ Lungoyi).

Note: G. Servette senza Henchoz, Stevanovic, Schalk (infortunati) e Boubacar (squalificato). Lugano senza Bottani, Sabbatini, Oss e Guidotti (inf.).

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1
  • 2

    Difesa in emergenza, ma obiettivo tre punti

    Calcio

    Per la sfida di domenica contro il Losanna, mister Jacobacci deve rinunciare a Maric, Guerrero e Kecskés - «Un’intera settimana di lavoro ci ha però fatto bene» sottolinea il tecnico del Lugano

  • 3

    Lo Ziegler d’America: «Caro Lugano, possiamo fare bene»

    Calcio

    Il neoacquisto dei bianconeri, reduce dall’esperienza nella Major League Soccer, affronta di petto gli scettici: «I miei 35 anni? Sono solo un numero, dentro di me c’è un fuoco che arde e nel Lugano ho trovato una squadra ambiziosa» - «La passione a Dallas è incredibile, ma il 2020 è stato difficile: per il ginocchio a terra durante l’inno abbiamo ricevuto tanti fischi»

  • 4

    Lo Young Boys firma l’impresa

    Calcio

    I gialloneri hanno eliminato il Bayer Leverkusen nei sedicesimi di finale di Europa League - Nella gara di ritorno, in Germania, è finita 0-2 con reti di Siebatcheu e Fassnacht

  • 5

    Ma alla fine quanto vale Lionel Messi?

    Calcio

    Le rivelazioni sul contratto monstre dell’argentino, 555 milioni di euro lordi in quattro stagioni, hanno suscitato scalpore e indignazione - «Grazie al giocatore il Barcellona ha visto crescere il fatturato da 140 a 800 milioni, ecco perché lo stipendio è legittimo» replica l’esperto Marco Bellinazzo

  • 1
  • 1