Il Lugano non va oltre lo 0-0 contro il Sion

calcio

Pochissime emozioni a Cornaredo: soltanto il nuovo acquisto Rangelo Janga ci prova, senza fortuna

Il Lugano non va oltre lo 0-0 contro il Sion
© CdT/Gabriele Putzu

Il Lugano non va oltre lo 0-0 contro il Sion

© CdT/Gabriele Putzu

Il Lugano non va oltre lo 0-0 contro il Sion
© CdT/Gabriele Putzu

Il Lugano non va oltre lo 0-0 contro il Sion

© CdT/Gabriele Putzu

Il Lugano non va oltre lo 0-0 contro il Sion
© CdT/Gabriele Putzu

Il Lugano non va oltre lo 0-0 contro il Sion

© CdT/Gabriele Putzu

Il Lugano non va oltre lo 0-0 contro il Sion
© CdT/Gabriele Putzu

Il Lugano non va oltre lo 0-0 contro il Sion

© CdT/Gabriele Putzu

Partita anonima, per non dire bruttina a Cornaredo. Lugano e Sion si sono divisi la posta (0-0) davanti a poco meno di 3 mila spettatori. Un risultato che accontenta tutti, nella misura in cui il distacco dal fondo della classifica rimane invariato per entrambe le formazioni, ma che certo non può soddisfare al 100% mister Jacobacci e i bianconeri. I padroni di casa, infatti, hanno perso un’occasione per allungare su Xamax e Thun.

A illuminare un primo tempo piuttosto soporifero è stato il nuovo acquisto Rangelo Janga. Sue le uniche due occasioni bianconere. Pronti via e si è involato tutto solo verso Fickentscher: il tiro, di pura potenza, è però stato respinto dal portiere vallesano. Poco prima della mezzora, invece, ha cercato la zampata vincente su un tiro-cross di Bottani. Niente da fare. Al di là delle chance, l’ex attaccante dell’Astana è piaciuto per atteggiamento e determinazione. Ha giocato di sponda, corso, tenuto costantemente in apprensione i difensori avversari. In pratica, ha fatto reparto da solo. Detto di Janga, gli altri non si sono comportati altrettanto bene. O meglio: il Lugano visto all’opera nei primi quarantacinque minuti si è macchiato di tanti, troppi errori. In copertura come in impostazione ad immagine di Yao, spesso in confusione.

La ripresa, se possibile, è stata altrettanto soporifera. Ad accenderla, ancora, è stato Janga con una bella iniziativa personale. Per il resto, neppure i cambi (Covilo e Aratore per Selasi e Bottani) hanno ridato slancio ad un Lugano ancora troppo impacciato e impreciso per avere la meglio del Sion. Ne è nata una frazione senza acuti ed emozioni, più per colpa dei vallesani che dei bianconeri. I quali, senza incantare come detto, hanno comunque avuto il merito di crederci e provarci maggiormente.

IL TABELLINO

Lugano-Sion 0-0

Spettatori: 2.872.

Arbitro: Urs Schnyder.

Lugano: Baumann; Yao, Sulmoni, Daprelà, Lavanchy; Selasi (46’ Covilo); Holender (90’ Lungoyi), Custodio, Lovric, Bottani (46’ Aratore); Janga.

Sion: Fickentscher; Bamert, Abdellaoui, Ruiz, Lenjani; Zock, Song; Itaitinga (78’ Grgic), Kasami, Doumbia (85’ Uldrikis); Luan (70’ Stojlkovic).

Ammoniti: 8’ Bottani, 17’ Abdellaoui, 32’ Lavanchy, 42’ Song, 92’ Stojlkovic.

Note: Lugano senza Gerndt (squalificato), Guidotti, Macek, Rodriguez, Maric e Soldini (infortunati); Sion privo di Facchinetti, Fortune, Kouassi (sq.), Adao, Djourou, Maceiras, Ndoye, Raphael e Toma (inf.).

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1

    Rinviata la finale di Coppa

    Calcio femminile

    L’Associazione svizzera di football ha deciso di posticipare a data da destinarsi l’ultimo atto della competizione

  • 2

    Eroi in una magica sera

    Ritorno al Futuro

    Lo sport è fermo: quale occasione migliore per viaggiare fra i ricordi e gli archivi del Corriere del Ticino? Ripercorriamo la storica vittoria del Lugano contro l’Inter in Coppa UEFA a San Siro

  • 3

    Il River Plate, storia di una passione a forma di pallone

    CALCIO E TELEVISIONE

    In questo periodo di assenza forzata dello sport giocato, ripercorriamo i successi più epici del club argentino attraverso il docu-film di Netflix - Fra calciatori diventati miti ed allenatori fuori dagli schemi, e una tifoseria da brividi

  • 4

    Cartellino giallo per Mourinho

    Inghilterra

    L’allenatore del Tottenham è stato richiamato insieme ad alcuni giocatori per non aver rispettato la distanza sociale nel corso degli allenamenti

  • 5
  • 1
  • 1