Il Lugano strappa un punto in extremis

Calcio

I bianconeri agguantano il Sion in «zona Jacobacci» grazie ad un guizzo di Daprelà

Il Lugano strappa un punto in extremis
© KEYSTONE/Laurent Gillieron

Il Lugano strappa un punto in extremis

© KEYSTONE/Laurent Gillieron

Il Lugano strappa un punto in extremis

Il Lugano strappa un punto in extremis

Il Lugano strappa un punto in extremis

Il Lugano strappa un punto in extremis

I bianconeri trovano un importante pareggio sul campo del Sion grazie a una rete di Daprelà nei minuti di recupero. Grgic al 75’ su rigore porta in vantaggio i vallesani, poi i bianconeri recriminano su due interventi sospetti nei sedici metri avversari e nei minuti finali trovano un punto prezioso.

Il primo vero pericolo della partita arriva all’ottavo minuto: grazie a una rapida ripartenza Bottani serve Gerndt, che a sua volta mette la palla in mezzo per l’accorrente Lovric. Il centrocampista però non riesce a colpire il pallone. Sullo slancio i bianconeri provano di nuovo a rendersi pericolosi con un’azione nata dai piedi del numero dieci, ma questa volta la manovra negli ultimi 16 metri è un po’ confusa.

La partita scorre senza particolare occasioni da una parte e dall’altra: Sabbatini ci prova di testa al 22’, ma il pallone finisce tra le mani di Fayulu. Il Sion si fa invece vedere con Theler, ben servito da un assist al bacio del ticinese Tosetti al 33’. Sono i padroni di casa ad avere maggiormente palla, ma l’impianto difensivo bianconero regge senza correre rischi. Attorno al 40’ Custodio impegna il portiere vallesano con una punizione dal limite dell’area. Maric, sulla respinta, prova a ribattere a rete ma il suo tiro finisce alto.

Nella ripresa i bianconeri devono fare a meno di Custodio, toccato duro nel corso del primo tempo e sostituito da Covilo. Al 55’ Wakatsuki sfiora il gol del vantaggio: la punizione di Tosetti finisce sulla testa del giapponese, che però manda a lato della porta di Baumann. Solo pochi minuti dopo Gerndt e Lavanchy non riescono ad approfittare di un pasticcio della retroguardia vallesana.

Al 63’ Jacobacci decide di rivoluzionare l’attacco: fuori Bottani e Gerndt, dentro Lungoyi e Ardaiz. Dopo appena 5’ però deve alzare bandiera bianca anche capitan Sabbatini. Ardaiz prova subito a rendersi pericoloso, ma al 73’ le cose precipitano: Daprelà commette fallo su Bamert in area di rigore e dal dischetto Grgic non sbaglia. Nell’ultimo quarto d’ora i bianconeri provano a reagire, alzano il baricentro e nel giro di pochi minuti gli uomini di Jacobacci reclamano due sospetti rigori: il primo, su Lavanchy all’83’, e poi all’87’ per un presunto tocco di mano. Dopo aver visionato il VAR, Jacottet decide però che non è fallo. Nei minuti di recupero Daprelà raccoglie un pallone in area di rigore e fa 1 a 1. Maric e compagni trovano così un importante pareggio nella prima uscita del 2021.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1

    Lo Young Boys firma l’impresa

    Calcio

    I gialloneri hanno eliminato il Bayer Leverkusen nei sedicesimi di finale di Europa League - Nella gara di ritorno, in Germania, è finita 0-2 con reti di Siebatcheu e Fassnacht

  • 2

    Ma alla fine quanto vale Lionel Messi?

    Calcio

    Le rivelazioni sul contratto monstre dell’argentino, 555 milioni di euro lordi in quattro stagioni, hanno suscitato scalpore e indignazione - «Grazie al giocatore il Barcellona ha visto crescere il fatturato da 140 a 800 milioni, ecco perché lo stipendio è legittimo» replica l’esperto Marco Bellinazzo

  • 3
  • 4
  • 5

    Zico: «Nella mia vita non avevo mai visto un termosifone»

    Calcio

    Il brasiliano, tra i più forti giocatori di tutti i tempi, ripercorre le tappe che hanno segnato la sua carriera in giro per il mondo - Dal Flamengo al Giappone, passando per il trasferimento clamoroso all’Udinese e l’amichevole contro il Lugano a Cornaredo

  • 1
  • 1