Il ritorno di Sandro Piccinini è una sciabolata morbida

Calcio

Dopo due anni di pausa il noto telecronista non tornerà alle cabine di commento, ma vestirà i panni dell’opinonista a Sky - «Se oggi la qualità media del calcio raccontato è aumentata un po’ è anche merito mio» afferma

Il ritorno di Sandro Piccinini è una sciabolata morbida
La Juventus cerca il decimo scudetto consecutivo, ma a questo giro appare meno solida. ©AP/Luca Bruno

Il ritorno di Sandro Piccinini è una sciabolata morbida

La Juventus cerca il decimo scudetto consecutivo, ma a questo giro appare meno solida. ©AP/Luca Bruno

«Non va!». Anzi, sì. Sua maestà Sandro Piccinini è pronto a tornare. Proprio lui. Dopo due anni di stop, il noto telecronista riparte da Sky, dove indosserà una nuova veste: quella dell’opinionista. L’occasione perfetta per analizzare la Serie A alle porte ma anche per scoprire tanto altro sul mondo del calcio narrato.

Con gli stadi deserti (o quasi) e milioni di tifosi attaccati alla tv, le voci dei commentatori hanno assunto un’importanza capitale. Sono loro, ora più che mai, a trasformare un gesto tecnico, una rete o un’occasione mancata in una scarica di adrenalina. «Con l’avvento della pandemia il prodotto televisivo si è dovuto adattare moltissimo» sottolinea Sandro Piccinini. «Ci si è accorti che il fattore pubblico è addirittura il più importante. Incide più del telecronista e dello...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1

    Cori razzisti a Cornaredo

    Calcio

    Il portiere del San Gallo Ati Zigi è stato preso di mira da alcuni spettatori della tribuna Monte Brè - Il club bianconero ha subito stigmatizzato il gesto ed è alla ricerca dei responsabili

  • 2

    Jacobacci: «La classifica? È un bel vedere»

    Calcio

    Dopo la vittoria contro il San Gallo l’allenatore del Lugano sottolinea i meriti e la capacità di soffrire della sua squadra: «Fermarsi ora, sul più bello, sarebbe un vero peccato» - Noam Baumann: «Questo club merita più considerazione»

  • 3
  • 4
  • 5
  • 1
  • 1