CALCIO

Il terzo posto se n’è andato, «ma siamo lì»

Il Lugano strappa un pareggio sofferto allo Xamax – Celestini: «Il grande sogno è ancora vivo»

Il terzo posto se n’è andato, «ma siamo lì»
Lavanchy prova ad evitare Ramizi. Il Lugano però non è riuscito ad andare oltre il pareggio, alla Maladière. (Foto Keystone)

Il terzo posto se n’è andato, «ma siamo lì»

Lavanchy prova ad evitare Ramizi. Il Lugano però non è riuscito ad andare oltre il pareggio, alla Maladière. (Foto Keystone)

NEUCHÂTEL (dal nostro inviato) - A fine partita, nella pancia della Maladière i volti dei giocatori bianconeri sono tiratissimi. Sfilano Maric, Bottani, Mihajlovic, Baumann e tutti gli altri. Le espressioni sono di resa e sconforto. Maledetto Xamax, viene da dire. «Eppure avrei firmato per il pareggio» afferma un Angelo Renzetti in versione bicchiere mezzo pieno. Il presidente abbraccia...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Articoli suggeriti
Ultime notizie: Calcio
  • 1