Il tocco decisivo è del portiere

Calcio regionale

Il Paradiso agguanta il pari contro il Linth grazie alla rete del suo estremo difensore Alessio Bellante, rapace nell’area di rigore avversaria - «Prima della partita avevo visto il gol del mio collega Alisson su YouTube e sognavo di trovarmi nei suoi panni» dice il protagonista del fine settimana

Il tocco decisivo è del portiere
Per il 26.enne ex Chiasso Alessio Bellante non solo una buona prova nella propria area, ma pure il lusso di far male in quella avversaria.

Il tocco decisivo è del portiere

Per il 26.enne ex Chiasso Alessio Bellante non solo una buona prova nella propria area, ma pure il lusso di far male in quella avversaria.

Siamo nei minuti di recupero di Paradiso-Linth, con i ragazzi di Cocimano costretti a inseguire (1-2). C’è una punizione per i luganesi e da bordocampo si pensa al classico «pallone dell’Ave Maria», lanciato in mezzo con tanto di preghiera sperando che accada qualcosa. Il Paradiso è invece lucido, gioca corto, sfruttando uno schema: palla centrale, poi allargata sull’esterno a destabilizzare la difesa e conclusione quasi vincente. La sfera si avvicina nei pressi della porta lentamente e c’è il piede sinistro di un calciatore a mettere il punto esclamativo sulla partita. È Alessio Bellante, che emerge in quella mischia che coinvolgeva ventidue giocatori. Festeggia il più improbabile, sì, perché del Paradiso lui è il portiere, non certo un bomber. «Che gioia ragazzi, davvero indescrivibile, sia...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1

    Indizi bianconeri, vizi comuni

    Calcio

    L’inchiesta che ha travolto la Juventus in relazione alle presunte plusvalenze fittizie riaccende i riflettori su un sistema perverso e praticato da molti - Marco Bellinazzo: «È il sintomo di un malessere economico condiviso, anche se determinare il prezzo di un calciatore, ed eventuali abusi, resta complicato»

  • 2

    Il Pallone d’oro va ancora a Leo Messi

    Calcio

    L’argentino, che ha ricevuto per la settima volta il riconoscimento promosso da France Football, è stato preferito a Robert Lewandowski (Bayern) e Jorginho (Chelsea)

  • 3
  • 4
  • 5
  • 1
  • 1