Jacobacci e la Ferrari bianconera

Calcio

Il Lugano non vince da sei partite, ma alla luce della prestazione contro lo Young Boys in vista della trasferta di San Gallo l’allenatore rimane fiducioso: «Con questa qualità non mi preoccupo»

Jacobacci e la Ferrari bianconera
©CdT/Gabriele Putzu

Jacobacci e la Ferrari bianconera

©CdT/Gabriele Putzu

A Maurizio Jacobacci piacciono le auto potenti, di grossa cilindrata. Ne guida una e anche giovedì sera, durante gli SFL Awards ai quali concorreva per il premio di miglior allenatore del 2020, ha fatto capire i suoi gusti. A lui e agli altri due nominati - Gerardo Seoane e Peter Zeidler - il presentatore ha chiesto di scegliere uno dei modelli esposti. E «Jaco» ha optato per una Ferrari Daytona nera. «Che ricorda il mio Lugano» ha affermato. Già, il tecnico dei bianconeri resta convinto di avere fra le mani un piccolo bolide. «A maggior ragione dopo quanto osservato contro lo Young Boys» afferma, sguardo determinato, di fronte ai giornalisti. «Abbiamo perso, sì, giocando però alla pari di una squadra infarcita di campioni. Alla fine è emerso il loro cinismo, un atout che in questo momento...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1

    Lo Young Boys firma l’impresa

    Calcio

    I gialloneri hanno eliminato il Bayer Leverkusen nei sedicesimi di finale di Europa League - Nella gara di ritorno, in Germania, è finita 0-2 con reti di Siebatcheu e Fassnacht

  • 2

    Ma alla fine quanto vale Lionel Messi?

    Calcio

    Le rivelazioni sul contratto monstre dell’argentino, 555 milioni di euro lordi in quattro stagioni, hanno suscitato scalpore e indignazione - «Grazie al giocatore il Barcellona ha visto crescere il fatturato da 140 a 800 milioni, ecco perché lo stipendio è legittimo» replica l’esperto Marco Bellinazzo

  • 3
  • 4
  • 5

    Zico: «Nella mia vita non avevo mai visto un termosifone»

    Calcio

    Il brasiliano, tra i più forti giocatori di tutti i tempi, ripercorre le tappe che hanno segnato la sua carriera in giro per il mondo - Dal Flamengo al Giappone, passando per il trasferimento clamoroso all’Udinese e l’amichevole contro il Lugano a Cornaredo

  • 1
  • 1