L’atteggiamento è sbagliato, l’Europa si allontana

calcio

Un Lugano troppo passivo incassa un sonoro 3-0 al Letzigrund e rilancia lo Zurigo - Fa discutere un presunto fallo di mano di Maric all’origine della rete di apertura

L’atteggiamento è sbagliato, l’Europa si allontana
@ KEYSTONE/Alexandra Wey

L’atteggiamento è sbagliato, l’Europa si allontana

@ KEYSTONE/Alexandra Wey

A fine partita l’addetto stampa dello Zurigo saluta la delegazione bianconera e con un sorriso a trentadue denti dipinto in volto afferma: «Per fortuna ora posso dirlo: ci vediamo l’anno prossimo». Una dichiarazione forse ancora un po’ prematura, ma in fondo comprensibile: dopo un periodo di crisi, ieri il club del presidente Ancillo Canepa ha mosso un passo potenzialmente decisivo verso la salvezza, conquistando tre punti pesantissimi. A farne le spese è stato il Lugano di Maurizio Jacobacci, giunto al Letzigrund con l’intento di rilanciarsi nella lotta per le prime posizioni, salvo poi incassare una sonora sconfitta per mano della compagine di Massimo Rizzo.

Questione di attitudine

Al novantesimo, l’espressione dipinta sul volto di Maurizio Jacobacci la dice lunga sullo stato d’animo del...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1
  • 1