L’inclusione che diventa gioco

Calcio

Sono aperte le iscrizioni al corso G+S in collaborazione con la fondazione FOOTBALL IS MORE

L’inclusione che diventa gioco
© CdT

L’inclusione che diventa gioco

© CdT

Una formazione specialistica. Con accento sul calcio inclusivo. È quanto propone FOOTBALL IS MORE, fondazione da sempre attiva nell’inclusione delle persone con disabilità attraverso la pratica sportiva.

Attraverso il calcio inclusivo, persone con e senza disabilità sviluppano le proprie potenzialità allenandosi. Insieme. Purtroppo, ad oggi queste proposte di allenamento sono ancora molto rare e poco sviluppate alle nostre latitudini. La ragione principale è da ricercare nella mancanza di preparatori e allenatori qualificati.

Uno degli obiettivi di FOOTBALL IS MORE è proprio quello di colmare questa carenza, proponendo una formazione specifica che consenta agli appassionati di sport di diventare allenatori specializzati nel calcio inclusivo.

Attraverso unità pratiche e teoriche, i futuri allenatori impareranno le basi per la pianificazione e lo svolgimento di sessioni di allenamento per persone con e senza disabilità finalizzate alla crescita del gruppo attraverso lo sfruttamento delle stesse diversità come punto di forza. Nel corso di sedute di allenamento con calciatori con disabilità, i partecipanti avranno la possibilità di sperimentare i punti in comune e le diverse forze e debolezze, costruendo così la comprensione e la fiducia reciproca.

Dopo aver completato il ciclo di formazione, i partecipanti saranno in grado di adattare in modo flessibile esercizi calcistici alle diverse abilità dei giocatori, di allenare consapevolmente una squadra di calcio inclusiva e, quindi, promuovere l’inclusione attraverso la pratica dello sport del calcio.

Il corso di formazione della fondazione FOOTBALL IS MORE è stato sviluppato in collaborazione con i suoi partner nazionali e internazionali. Gli allenatori di calcio inclusivo dello Stoccarda, del FC Lugano Special Needs I Camaleonti, della fondazione Chelsea FC, della fondazione Paris Saint-Germain e della scuola per giovani con bisogni educativi speciali del Sonnenberg-Baar, infatti, hanno contribuito allo sviluppo del programma di formazione mettendo a disposizione la loro preziosa esperienza pluriennale nel calcio inclusivo.

La presenza della squadra ticinese dei Camaleonti, squadra composta da persone con disabilità, condotta da Boris Angelucci, che rivestirà anche un ruolo di formatore durante il corso, porterà un po’ di ticinesità in questo progetto pilota.

Il primo corso pilota avrà luogo in collaborazione con il programma della promozione dello sport Gioventù & Sport (G+S) e l’Associazione Calcio della Svizzera centrale (IFV) dal 29 al 30 ottobre 2021 presso l’impianto sportivo Rossmoos a Emmenbrücke (Lucerna).

Le iscrizioni sono aperte fino al 20 ottobre 2021 tramite G+S www.apps.baspo.admin.ch (nome del corso: Inklusion im Mannschaftssport am Beispiel Fussball) o mandamo una mail a [email protected] Il corso verrà svolto in lingua tedesca. La quota di iscrizione è di 30 franchi. Per gli allenatori già qualificati G+S, il corso conta come estensione della licenza.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1
  • 2

    Il paradosso bianconero, tra Croci-Torti e l’ipotesi Wicky

    Calcio

    Domani sera, alla Maladière, il Lugano affronta lo Xamax nei sedicesimi di finale di Coppa Svizzera - In panchina, a due settimane dall’esonero di Abel Braga, ci sarà ancora un tecnico ad interim - Ma il futuro allenatore potrebbe essere Raphael Wicky, sempre meno convincente alla guida dei Chicago Fire

  • 3

    Il calcio svizzero e la passione per lo sgambetto alle inglesi

    L’analisi

    Più volte, in Champions League, le squadre rossocrociate hanno dato un dispiacere a quelle d’oltremanica - Su un totale di 31 incontri disputati sono infatti ben 15 i risultati utili raccolti, la maggior parte dei quali ottenuti dal Basilea

  • 4
  • 5
  • 1
  • 1