L’Italia è in finale

Euro 2020

Gli Azzurri soffrono ma trascinano la Spagna fino ai calci di rigore: decisivi gli errori di Olmo e Morata, mentre Jorginho consegna l’ultimo atto alla squadra di Mancini

L’Italia è in finale
© AP/Frank Augstein

L’Italia è in finale

© AP/Frank Augstein

L’Italia è in finale

L’Italia è in finale

L’Italia è in finale

L’Italia è in finale

L’Italia è in finale

L’Italia è in finale

A Londra è stata partita vera. E non poteva essere altrimenti, dato che si affrontavano due pesi massimi del calcio: Italia e Spagna. Alla fine, a Wembley si sentivano cantare soltanto i tifosi italiani: la squadra di Mancini ha sudato fino ai calci di rigore dopo l’1-1 dei tempi regolamentari e dei supplementari, staccando così il biglietto per la finale di Euro 2020. La partita, dicevamo, è stata vera. E combattuta. Gli Azzurri sono passati in vantaggio con Chiesa, fenomenale nel trovare il palo lontano al 60’ con un tiro a giro alla Insigne (ribattezzato «O tiraggir»). Le Furie Rosse – quasi sempre in possesso del pallone – hanno trovato l’1-1 all’80’ con Morata, bravissimo a incunearsi fra le maglie avversarie e a raccogliere l’assist al bacio del compagno. Disordinata, stanca, forse anche colpita nell’orgoglio, l’Italia è comunque riuscita a portare la partita ai supplementari. E, con qualche sofferenza, ai rigori. Dagli undici metri errori in entrata per Locatelli e Olmo, quindi l’errore decisivo di Morata al quarto rigore e il sigillo di Jorginho al quinto che ha proiettato gli Azzurri all’ultimo atto. Incredibile, ma vero.

A caldo, Roberto Mancini ha parlato di «partita durissima» contro una «grande squadra». E ancora: «Sapevamo che ci sarebbe stato da soffrire. Loro nel palleggio sono maestri, chiaro che ci avrebbero creato difficoltà. Siamo stati italiani? Nel calcio si attacca e si difende, non solo noi difendiamo. Abbiamo avuto le nostre occasioni, abbiamo creato, è stata una sfida aperta. Il merito va ai ragazzi, non è ancora finita: giochiamoci questa finale».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1

    Joker e il messaggio del Barça

    Calcio

    Il rinnovo di Pedri con il club blaugrana, corredato da clausola rescissoria «monstre» da un miliardo di euro, tiene banco nel mondo del pallone - L’esperto di calciomercato della Gazzetta dello Sport, Claudio Laudisa: «La cifra è simbolica, ma il segnale a essa legato no: i catalani stanno ricostruendo»

  • 2

    Zurigo-Lugano, sessant’anni fa il peggior naufragio

    Calcio

    Il 16 settembre del 1961 lo Zurigo sommergeva i bianconeri con 11 reti: per il club ticinese rimane la sconfitta più ampia in Lega nazionale A - Quella sera il Letzigrund s’innamorava di un 17.enne: Jakob «Köbi» Kuhn, autore dei primi tre gol in carriera - Oggi le due squadre tornano ad affrontarsi

  • 3
  • 4

    Il destino nelle mani

    in corner

    La Svizzera nello spazio di pochi giorni si è imposta contro Irlanda del Nord e Lituania facendo quanto in suo possesso: ora l’attende la sfida con l’Italia

  • 5

    Il conto alla rovescia è già partito

    calcio

    La Nazionale ha già voltato pagina dopo la vittoria in Lituania, dove si è vista finalmente l’impronta del nuovo selezionatore Murat Yakin, e guarda con urgenza alla sfida contro l`Italia del 12 novembre a Roma

  • 1
  • 1