L’olandese Leon Thijssen firma il CSI Ascona

Equitazione

La giubiaschese Sabrina Crotta si è qualificata per lo spareggio e ha chiuso la gara al sesto posto con El Nino IV

L’olandese Leon Thijssen firma il CSI Ascona
Il vincitore Leon Thijssen su Faithless Mvdl
© Ti-Press / Alessandro Crinari

L’olandese Leon Thijssen firma il CSI Ascona

Il vincitore Leon Thijssen su Faithless Mvdl
© Ti-Press / Alessandro Crinari

Il Longines CSI Ascona ha un nuovo re. Ed è Leon Thijssen, che succede nell'albo d'oro al belga Jos Verlooy, il vincitore fra gli ostacoli in riva al Verbano dell'edizione di due anni fa. In sella a Faithless VDL, nel Gran Premio Longines CSI Ascona, presentato da BancaStato, ha calato l'asso, completando il primo passaggio con un netto, ripetendosi poi nel barrage conclusivo per il quale si erano qualificati in dieci, fra cui la ticinese Sabrina Crotta (sesto posto finale per lei su El Nino IV). Qui la lotta per il podio è stata serrata, ma alla fine ha dato ragione all'olandese, che per sette centesimi ha relegato alla piazza d'onore la svizzera Barbara Schnieper (con Escoffier) e per 43 centesimi al terzo posto il belga Gilles Thomas (Konak).

A lanciare la volata verso il Gran Premio finale, fra i partecipanti al concorso quattro stelle, ci ha pensato la britannica Lily Attwood, che con Cor-Leon vd Vlierbeek Z ha fatto sua la gara di categoria, a tempo, precedendo l'eveltico Alain Jufer. Terza la leggenda dell'ippica, l'inglese Michael Whittaker.

Nelle prove riservate al concorso a due stelle, a sbancare il Gran Premio Engel & Volkers e Ferien Journal è stato dal solito Paul Estermann con Fleur Sinaa-A, al suo quarto sigillo (nonché al settimo podio) in questo 28. Longines CSI Ascona, accompagnato sul podio dalla ticinese Martina Meroni (Rock de Vains), seconda, e dal francese Severin Hillereau (Quidam's Frey Lady). La giornata è stata inaugurata da Philipp Züger, che con PLS Queen of the Castle si è imposto nella diciottesima prova del folto programma asconese. Cinque i qualificati per il jump-off, dove l'elvetico ha preceduto l'israeliana Jacqueline Felber (Escorial K) e il ticinese Fabio Crotta (Impuls).

Con il successo di Leon Thijssen va dunque agli archivi una ventottesima edizione riuscita sotto ogni punto di vista. Buona per affluenza di pubblico - sin dal primo giorno parecchie persone hanno preso posto sulle tribune - ma anche e soprattutto per qualità tecnica di cavalieri e amazzoni. Quattro giorni di salti per un totale complessivo di ventun gare, di cui sei quelle maggiori valide per il concorso a quattro stelle, che, oltre a Leon Thijssen, hanno avuto fra gli indiscussi protagonisti Pius Schwizer, vittorioso in tre delle quattro prove a cui ha preso il via: al 59.enne lucernese è insomma mancato solo l'acuto nella prova regina.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1
  • 1