La maglia della Svizzera fa discutere ma a qualcuno piace molto

Calcio

Il terzino del Bordeaux Loris Benito sposa la nuova tenuta da trasferta e si candida per una maglia da titolare: «Sono pronto, da tre anni gioco ad altissimi livelli»

La maglia della Svizzera fa discutere ma a qualcuno piace molto
Loris Benito durante una conferenza stampa. ©CdT/Chiara Zocchetti

La maglia della Svizzera fa discutere ma a qualcuno piace molto

Loris Benito durante una conferenza stampa. ©CdT/Chiara Zocchetti

Sorride, Loris Benito. Lo incontriamo nella pancia del Letzigrund. E gli chiediamo subito un parere sulla nuova maglia. Quella da trasferta, con le Alpi stilizzate e colori (come il verde) non propriamente elvetici. Uno schiaffo alla tradizione per molti. «A me piace» ribatte il terzino, divertito. «È un po’ diversa, è vero. Ma quelle linee ricordano le nostre montagne». Mentre parla, il difensore del Bordeaux si passa il dito sul petto. Su e giù, come se stesse disegnando picchi uno dietro l’altro.

Come fosse un neofita

Loris vanta appena quattro presenze in Nazionale. Una miseria. Ai suoi occhi, la nuova maglia è soprattutto una possibilità. Un nuovo inizio. Già, Ricardo Rodriguez sta attraversando un periodaccio al Milan: e se Vladimir Petkovic rivedesse le gerarchie per la fascia sinistra?...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1

    Due anni di VAR, il bilancio è positivo

    calcio

    A due anni dalla sua introduzione, l’ASF ha voluto fare il punto della situazione - Wermelinger: «Ci sono margini di miglioramento, ma nel complesso possiamo dirci soddisfatti»

  • 2

    Chi spodesterà lo Young Boys?

    Calcio

    La squadra della capitale, vincitrice degli ultimi quattro campionati di Super League, sarà nuovamente la grande favorita per il successo finale - Dietro le inseguitrici si sono però fatte più agguerrite con l’intento di ridurre lo scarto, in primis il Basilea di Patrick Rahmen, che appare l’antagonista più accreditata

  • 3
  • 4

    Schäfer: «La luce in fondo al tunnel è ancora piuttosto lontana»

    L’Intervista

    Nonostante la revoca dei limiti di capienza negli stadi e il possibile ritorno in massa degli spettatori, il CEO della Swiss Football League resta piuttosto cauto in merito a una rapida ripresa del calcio elvetico: «Sul piano economico ci vorranno almeno un altro paio d’anni, ma il via libera sul pubblico in vista della nuova stagione è un punto di partenza molto soddisfacente».

  • 5
  • 1
  • 1