La partita la fa il Chiasso, ma a festeggiare è il Losanna

calcio

I rossoblù disputano una gara propositiva ma pagano un «mani» di Martignoni e un rinvio avventato di Dixon - Coach Lupi: «I ragazzi hanno fatto il possibile per andare a punti»

 La partita la fa il Chiasso, ma a festeggiare è il Losanna
© CDT / Chiara Zocchetti

La partita la fa il Chiasso, ma a festeggiare è il Losanna

© CDT / Chiara Zocchetti

Tre partite, un solo punto, quello conquistato al Riva IV contro il Grasshopper. È questo il magro bottino delle prime tre partite del 2020; considerato però che lo Sciaffusa ne ha conquistati sette, i rossoblù si trovano a dieci lunghezze di ritardo proprio dagli stessi renani, penultimi.

Una situazione inattesa, che attenua (almeno per il momento) le speranze di salvezza dei rossoblù. Contro il Losanna, così come era avvenuto contro le cavallette, la squadra di Lupi ha disputato una partita propositiva, che avrebbe indubbiamente meritato un esito diverso. Ma così, come troppe volte è avvenuto in questa travagliatissima stagione, il minimo errore è stato pagato a caro prezzo. E così, il braccio largo di Martignoni colpito dal tiro di Geissmann in occasione del rigore, ed il raddoppio di Christian...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1
  • 1