La Serbia insiste: «Sanzioni severe contro Shaqiri»

Calcio

La giacca con il simbolo dell’UCK non è stata digerita dalla Federcalcio serba: «Stiamo preparando una lettera di protesta che invieremo alla FIFA»

La Serbia insiste: «Sanzioni severe contro Shaqiri»
© RSI

La Serbia insiste: «Sanzioni severe contro Shaqiri»

© RSI

La giacca con il simbolo dell’UCK continua a far parlare di sé e, soprattutto, a scatenare le reazioni più disparate. Breve riassunto: a margine del 2-0 con cui la Svizzera ha battuto l’Irlanda del Nord, un tifoso ha fatto invasione di campo per consegnare a Xherdan Shaqiri – impegnato in un’intervista con Nicolò Casolini alla RSI – una giacca particolare. Con, appunto, lo stemma dell’Esercito di Liberazione del Kosovo. Dopo la presa di posizione dell’Associazione svizzera di football, a parlare è stato il segretario generale della Federcalcio serba Jovan Surbatovic. Fra Serbia e Kosovo, si sa, i rapporti sono tesissimi. In un comunicato, non a caso, Surbatovic afferma: «Stiamo preparando una lettera di protesta che invieremo alla FIFA nel corso della giornata». E ancora: «Chiediamo una reazione immediata e le sanzioni più severe contro Shaqiri per aver promosso l’organizzazione terroristica criminale UCK davanti ai media».

In realtà, Shaqiri non ha promosso alcunché. Ha sorriso, mostrando un certo imbarazzo. Soprattutto, si è subito sfilato la giacca non appena ha visto il simbolo. «Ha reagito in modo esemplare» ha commentato l’Associazione svizzera di football a tal proposito.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1

    Un Piccolo Dudic

    la giornata

    Il direttore di gara di Basilea-Lugano ha commesso un grave errore, anche due - La commissione arbitri dell’ASF gli riserverà lo stesso trattamento di Luca Piccolo?

  • 2

    Prospettiva che cambia

    Vietato ai minori

    Portieri rigoristi e bomber improvvisati in area avversaria sono entrati nella storia del calcio

  • 3

    Il tocco decisivo è del portiere

    Calcio regionale

    Il Paradiso agguanta il pari contro il Linth grazie alla rete del suo estremo difensore Alessio Bellante, rapace nell’area di rigore avversaria - «Prima della partita avevo visto il gol del mio collega Alisson su YouTube e sognavo di trovarmi nei suoi panni» dice il protagonista del fine settimana

  • 4
  • 5
  • 1
  • 1