celebrazioni

Le 115 candeline dei granata

L'Associazione calcio Bellinzona festeggia il compleanno sognando il ritorno fra le grandi dopo la rinascita dal fallimento

 Le 115 candeline dei granata
(foto Instagram)

Le 115 candeline dei granata

(foto Instagram)

BELLINZONA - La decana del calcio ticinese festeggia 115 anni. L'Associazione calcio Bellinzona (ACB) celebra oggi un traguardo invidiabile. Il club granata, attualmente in Promotion League, vanta un unico campionato svizzero (1948) e tre finali di Coppa (1962, 1969, 2008) purtroppo tutte e tre perse. Numerosi i campioni che hanno calcato l'erba del vetusto Comunale: Permunian, Pedrazzoli, Zurmühle, Bionda, Mellacina, il compianto Mario Sergio, Fargeon, Paulo Cesar, il grandissimo Kubi, Mapuata, Lustrinelli, l'indimenticato Morocutti. Dopo il fallimento del 2013 sotto la presidenza di Gabriele Giulini, i granata sono ripartiti dal calcio regionale e in pochi anni hanno risalito la china. L'obiettivo della squadra del numero uno Paolo Righetti è quello di essere promossi in Challenge League entro 2-3 anni. La rosa è sicuramente competitiva e dopo la prima stagione di rodaggio il prossimo campionato potrebbe vedere l'ACB di mister Luigi Tirapelle tra i favoriti per l'agognato salto di categoria. Sarebbe il degno regalo di compleanno per una società che ha fatto la storia del calcio elvetico.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Calcio
  • 1
    Calcio

    E Xhaka rispolvera il gesto dell’aquila

    Il capitano della nazionale svizzera ha riproposto la controversa esultanza nell’ambito della partita benefica per celebrare i 20 anni dalla liberazione di Pristina - IL VIDEO

  • 2
  • 3
    CALCIO

    Simone Rapp torna al Thun

    I bernesi ricevono in prestito dal Losanna l’attaccante ticinese, gli ultimi sei mesi al San Gallo – Per l’ex Locarno si tratta di un ritorno

  • 4
    Copa America

    «Per fortuna non gioca la Germania»

    L’ex attaccante di Lugano e Locarno Dante Senger lancia il torneo e misura le ambizioni della sua Argentina - «L’Albiceleste non è favorita e questo è davvero un bene»

  • 5
  • 1