Le verità di Pablo Bentancur

L’intervista

L’intermediario di calciatori torna sul possibile acquisto del Chiasso e sul suo rapporto con il Bellinzona, senza dimenticare la stagione in bianconero con Angelo Renzetti

Le verità di Pablo Bentancur
© CdT/Archivio

Le verità di Pablo Bentancur

© CdT/Archivio

Il suo nome, negli ultimi giorni, è sulla bocca di tutti. Soprattutto a Chiasso. Pablo Bentancur, però, precisa subito: «Io non ho mai cercato di acquistare i rossoblù». È l’inizio di una lunga (e intensa) chiacchierata.

Glielo hanno già chiesto, ma ci aggiungiamo al coro: davvero non ha mai cercato di mettere le mani sul Chiasso?«Davvero. E mi dispiace per questa situazione, in primis per i tifosi. La realtà è che il Chiasso deve alla mia società, la Goal, una cifra importante. Parliamo di un debito. E così, quando la squadra sembrava condannata alla retrocessione, Nicola Bignotti mi chiede di trovare un acquirente. In quel modo, diciamo, io avrei potuto gestire la somma che mi spettava. Sono in attesa da settembre dell’anno scorso. Ho lavorato molto, impiegato tempo e fiducia, mosso i miei...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1

    Il Losanna avverte la Lega: «Potremmo ricorrere al TAS»

    Calcio

    Alla vigilia dell’assemblea straordinaria della SFL il voto sulla nuova formula di Super e Challenge League è nella bufera - Forti di una controperizia i vodesi contestano la necessità di disporre del sostegno di 14 e non 11 club su 20

  • 2

    L’assemblea decisiva e il piano della Lega

    Calcio

    L’ordine del giorno varato dal comitato direttivo della SFL rischia di soffocare sul nascere le rivendicazioni dei club che chiedono riforme e solidarietà - Venerdì a Berna si voterà subito sulla ripresa della stagione, solo alla fine sulla nuova formula

  • 3

    Il futuro del nostro calcio non è legato ai numeri

    Verso l’assemblea SFL

    La decisione del Consiglio federale di aprire a manifestazioni con al massimo 300 persone non cambia le coordinate in vista della votazione di venerdì - Ne parliamo con Marco Degennaro

  • 4
  • 5
  • 1
  • 1