Lugano fra rabbia e rimpianti

Reazioni

I bianconeri sprecano e non vanno oltre lo 0-0 con il Malmö: qualificazione appesa a un filo
Angelo Renzetti contesta le mosse del mister: «Holender? In partite così non servono esperimenti»
Maurizio Jacobacci si difende: «Credevo potesse essere decisivo, ma la scelta è mia e non dello staff»

Lugano fra rabbia e rimpianti
Filip Holender immortalato mentre «cicca» il pallone che poteva significare il vantaggio per i suoi. © CdT/Gabriele Putzu

Lugano fra rabbia e rimpianti

Filip Holender immortalato mentre «cicca» il pallone che poteva significare il vantaggio per i suoi. © CdT/Gabriele Putzu

Rammarico e rabbia accompagnano l’amarissimo 0-0 del Lugano contro il Malmö. Il primo sentimento è dell’allenatore Maurizio Jacobacci, al termine di una prestazione obiettivamente positiva e senza ombra di dubbio superiore all’avversario. L’ira, ancora una volta, è invece del presidente Angelo Renzetti. Furioso non tanto per le tante, troppe occasioni gettate al vento nella ripresa,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1

    Niente ritiro luganese per la Nazionale

    Calcio

    In caso di qualificazione la Svizzera preparerà l’Euro 2020 in un’altra location - Il Ticino era stato scelto nel 2016 e nel 2018 - Roberto Mazza: «Il terreno di Cornaredo non c’entra, è una questione di equilibri regionali»

  • 2
  • 3
  • 4

    Storie di calcio e razzismo

    Memorie

    Attraverso una ventina di episodi quasi rimossi tra passato e presente due giornalisti ripercorrono in un volume di drammatica attualità il pericoloso rapporto tra il gioco più bello del mondo e l’insidioso veleno della discriminazione

  • 5
  • 1
  • 1