Lugano, una top 11 per iniziare al meglio

Calcio

A Cornaredo scatta una nuova stagione di Super League: contro il Lucerna mister Jacobacci schiera la formazione tipo

Lugano, una top 11 per iniziare al meglio
©Keystone/Alessandro Crinari

Lugano, una top 11 per iniziare al meglio

©Keystone/Alessandro Crinari

Tanti auguri, caro Lugano. Per il tuo sesto campionato nel calcio che conta e, più concretamente, per la stagione 2020-21 di Super League. A Cornaredo arriva il Lucerna del grande ex Fabio Celestini. E sulle tribune, si spera per l’ultima volta, saranno ammessi solo 1.000 tifosi. Il debutto cade dopo il complicato passaggio del turno in Coppa Svizzera, a Sciaffusa. Poco male, perché alla vigilia mister Maurizio Jacobacci ha incassato la fiducia totale del presidentissimo Angelo Renzetti. Sì, nonostante le mille difficoltà dettate dalla pandemia entrambi sono pronti per un altro giro di giostra. E allora, per la sfida contro i lucernesi il tecnico schiera, se vogliamo, la sua top 11. Una sorta di formazione tipo, orfana unicamente del portiere titolare (ma sempre sul mercato) Noam Baumann. A sostituirlo, non è più una sorpresa, è Osigwe, che davanti agli occhi si troverà un rodato 3-5-2. A dirigere la difesa torna sua maestà Mijat Maric, affiancato dai fedeli Daprelà e Kecskès. Sugli esterni spazio invece a Lavanchy e a Guerrero. Nel cuore del campo orbiteranno invece capitan Sabbatini, Custodio e forse l’uomo più in forma del momento: Sandi Lovric. In attacco, a oltre due mesi mezzo dall’infortunio al ginocchio, si rivede con una maglia da titolare il figlio della città: Mattia Bottani. E con lui ci saranno la classe e l’esperienza di Gerndt. Da notare che Marcis Oss, ultimo arrivato a Lugano, è già a disposizione in panchina. I bianconeri non perdono tra le mura amiche dalla bellezza di 11 partite; discorso simile in Super League con la squadra di Jacobacci imbattuta da nove incontri a questa parte.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1

    Cori razzisti a Cornaredo

    Calcio

    Il portiere del San Gallo Ati Zigi è stato preso di mira da alcuni spettatori della tribuna Monte Brè - Il club bianconero ha subito stigmatizzato il gesto ed è alla ricerca dei responsabili

  • 2

    Jacobacci: «La classifica? È un bel vedere»

    Calcio

    Dopo la vittoria contro il San Gallo l’allenatore del Lugano sottolinea i meriti e la capacità di soffrire della sua squadra: «Fermarsi ora, sul più bello, sarebbe un vero peccato» - Noam Baumann: «Questo club merita più considerazione»

  • 3
  • 4
  • 5
  • 1
  • 1