Manita svizzera al Belgio: si va alle final four

I rossocrociati rimontano un doppio svantaggio e si impongono per 5-2 a Lucerna – Mattatore della serata Haris Seferovic autore di una tripletta

Manita svizzera al Belgio: si va alle final four

Manita svizzera al Belgio: si va alle final four

Manita svizzera al Belgio: si va alle final four

Manita svizzera al Belgio: si va alle final four

Manita svizzera al Belgio: si va alle final four

Manita svizzera al Belgio: si va alle final four

Manita svizzera al Belgio: si va alle final four

Manita svizzera al Belgio: si va alle final four

Manita svizzera al Belgio: si va alle final four

Manita svizzera al Belgio: si va alle final four

Manita svizzera al Belgio: si va alle final four

Manita svizzera al Belgio: si va alle final four

Manita svizzera al Belgio: si va alle final four

Manita svizzera al Belgio: si va alle final four

Manita svizzera al Belgio: si va alle final four

Manita svizzera al Belgio: si va alle final four

Manita svizzera al Belgio: si va alle final four

Manita svizzera al Belgio: si va alle final four

LUCERNA – (dal nostro inviato) Una serata pazzesca, assurda e al limite della realtà. Alla Swissporarena di Lucerna è andata in scena una partita che definire epica è poco. Sotto per 2-0 e praticamente fuori dalle final four di Nations League, la Svizzera è stata protagonista di una rimonta magnifica. Il 5-2 premia dunque Xhaka e compagni: a giugno, in Portogallo, gli elvetici si giocheranno il titolo di campione della neonata Nations.Inizio tragicomico per i rossocrociati. Dopo appena due minuti Elvedi, invece di liberare l'area, ha ciccato il pallone fornendo inavvertitamente un assist per Thorgan Hazard (in teoria l'Hazard più debole). Uno a zero per i belgi. Il festival degli errori è proseguito al 17': Klose si è macchiato di un disimpegno infelice, lanciando Thorgan Hazard (ancora lui) verso la porta. Il numero 16 ha proseguito indisturbato la sua corsa (perché Elvedi non lo ha contrastato?) firmando il raddoppio in diagonale. Buio pesto per la Svizzera e campane della Swissporarena che suonavano a morto.All'improvviso la luce. Al 26' Mbabu si è procurato dal nulla un calcio di rigore, trasformato da Rodriguez. L'inizio della rimonta. Gli elvetici infatti hanno cominciato a crederci per davvero. Come se si fossero liberati di un grossissimo peso. Meraviglioso il pareggio, caduto al 31'. Lancio millimetrico di Rodriguez, torre di Shaqiri e tap-in vincente di Seferovic. Proprio "Sefe" si è ripetuto allo scadere del primo tempo con una girata da centravanti vero: 3-2 e Belgio tramortito. Incredibile, ma vero.Intontito e impossibilitato a reagire, il Belgio ha incassato anche la quarta rete elvetica. Pennellata di Shaqiri che ha pescato Elvedi (62') e Swissporarena in visibilio. Eccolo, il gol che virtualmente ci ha consegnato le final four di Nations League. A 5 minuti dal novantesimo è giunto pure il punto del 5-2, con la tripletta personale di uno scatenato Seferovic (che partita la sua) ottimamente imbeccato da Mbabu.Quello che pareva impossibile dopo il 2-0 del Belgio si è trasformato in realtà. La Svizzera ha superato in rimonta una grande del calcio mondiale. Blindando la qualificazione, meritata, alle final four di Nations League.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio