Nella notte di follia della Coppa il Chiasso sogna a lungo l’impresa

Calcio

La squadra di Andrea Vitali tiene in scacco il ben più quotato San Gallo, portato fino ai supplementari grazie all’1-1 di Farnerud all’ultimo respiro – Nell’appendice gli ospiti fanno però valere la loro maggior freschezza fisica trovando il gol che vale la qualificazione con Duah, autore di una doppietta

Nella notte di follia della Coppa il Chiasso sogna a lungo l’impresa
Il sangallese Duah realizza il gol che elimina il Chiasso dopo il supplementare al Riva IV.

Nella notte di follia della Coppa il Chiasso sogna a lungo l’impresa

Il sangallese Duah realizza il gol che elimina il Chiasso dopo il supplementare al Riva IV.

È stata la serata delle imprese in Coppa Svizzera. Delle piccole e sfavorite, che in una notte di follia si sono scoperte grandi, sgambettando clamorosamente avversarie ben più quotate. E il Chiasso, opposto al San Gallo, a lungo ha cullato il sogno di partecipare alla festa. Noncurante delle due categorie di differenza nei confronti della compagine di Peter Zeidler, né tantomeno delle importanti assenze che hanno costretto Andrea Vitali a ridisegnare in parte la propria formazione. Al Riva IV, davanti a un pubblico che solo pochi mesi fa aveva visto i propri beniamini salutare mestamente il palcoscenico della Challenge League, al termine di una stagione amarissima, è stato sfiorato il colpaccio.

Una questione di carattere

Merito di un Chiasso tutto cuore e grinta, che - infarcito di giovani...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Calcio
  • 1
  • 2

    Indizi bianconeri, vizi comuni

    Calcio

    L’inchiesta che ha travolto la Juventus in relazione alle presunte plusvalenze fittizie riaccende i riflettori su un sistema perverso e praticato da molti - Marco Bellinazzo: «È il sintomo di un malessere economico condiviso, anche se determinare il prezzo di un calciatore, ed eventuali abusi, resta complicato»

  • 3

    Il Pallone d’oro va ancora a Leo Messi

    Calcio

    L’argentino, che ha ricevuto per la settima volta il riconoscimento promosso da France Football, è stato preferito a Robert Lewandowski (Bayern) e Jorginho (Chelsea)

  • 4
  • 5
  • 1
  • 1